3 giorni di elettricità prodotta senza carbone: è il futuro del Regno Unito

3 giorni di elettricità prodotta senza carbone: è il futuro del Regno Unito

Il tempo mite ha sicuramente giocato a favore, ma per la prima volta nella storia il Regno Unito ha soddisfatto la sua domanda elettrica senza ricorrere alle centrali a carbone per ben 76 ore. In funzione solo centrali alimentate a gas, nucleare e rinnovabili. Proprio queste ultime negli sono cresciute in modo significativo nel mix energetico britannico, determinando il declino del carbone.

 

 

Il carbone nel mix energetico britannico

Storicamente il carbone è stato la fonte principale del mix elettrico del Regno Unito, ma l’anno scorso per la prima volta ha registrato le prime 24 ore in cui il paese ha funzionato senza il carbone a partire dal 19° secolo.

Un nuovo record è stato poi registrato la scorsa settimana con 55 ore in cui i generatori degli impianti a carbone sono rimasti spenti. Poi il record definitivo di 76 ore di lunedì 23 aprile.

Escluso il carbone, un terzo dell’energia elettrica è stata prodotta dalle centrali alimentate a gas, per un quarto da nucleare e un altro quarto da eolico. Il restante 20 per cento circa è stato generato dalla centrale elettrica Drax nel North Yorkshire, alimentata a biomassa in quei giorni, dalle importazioni dalla Francia e dai Paesi Bassi e dall’energia solare.

Fonte: Lifegate

Data: Giugno 2018

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
elettricitàGran Bretagnarinnovabili

Articoli correlati

Commissione Lancet: con cambiamenti climatici salute umana indietro di 50 anni

Combattere i cambiamenti climatici rappresenta la migliore opportunità per migliorare la salute dell’uomo nel XXI secolo, a livello globale. Al

Apple vuole raccogliere 1,5 miliardi di dollari per finanziare l’energia pulita

Apple ha emesso 1,5 miliardi di dollari in obbligazioni dedicate al finanziamento di progetti di energia pulita attraverso le sue

Quando la tecnologia è smart e fa risparmiare

Energia non significa solo produzione ma anche consumo e di conseguenza efficienza e risparmio energetico. Riuscire a gestire l’energia è