3 giorni di elettricità prodotta senza carbone: è il futuro del Regno Unito

3 giorni di elettricità prodotta senza carbone: è il futuro del Regno Unito

Il tempo mite ha sicuramente giocato a favore, ma per la prima volta nella storia il Regno Unito ha soddisfatto la sua domanda elettrica senza ricorrere alle centrali a carbone per ben 76 ore. In funzione solo centrali alimentate a gas, nucleare e rinnovabili. Proprio queste ultime negli sono cresciute in modo significativo nel mix energetico britannico, determinando il declino del carbone.

 

 

Il carbone nel mix energetico britannico

Storicamente il carbone è stato la fonte principale del mix elettrico del Regno Unito, ma l’anno scorso per la prima volta ha registrato le prime 24 ore in cui il paese ha funzionato senza il carbone a partire dal 19° secolo.

Un nuovo record è stato poi registrato la scorsa settimana con 55 ore in cui i generatori degli impianti a carbone sono rimasti spenti. Poi il record definitivo di 76 ore di lunedì 23 aprile.

Escluso il carbone, un terzo dell’energia elettrica è stata prodotta dalle centrali alimentate a gas, per un quarto da nucleare e un altro quarto da eolico. Il restante 20 per cento circa è stato generato dalla centrale elettrica Drax nel North Yorkshire, alimentata a biomassa in quei giorni, dalle importazioni dalla Francia e dai Paesi Bassi e dall’energia solare.

Fonte: Lifegate

Data: Giugno 2018

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
elettricitàGran Bretagnarinnovabili

Articoli correlati

Gli scienziati dovrebbero spiegare agli investitori la questione del clima e dei rischi nel settore fossile

L’obiettivo della campagna lanciata dal Guardian “Keep it in the ground” di richiamare l’attenzione sulla necessità di disinvestire dal settore

Lo stadio di Amsterdam “accende i riflettori” grazie a un sistema di batterie d’auto rigenerate

Dalle ore 12:00 di venerdì 29 giugno è in funzione il più grande sistema di accumulo di energia d’Europa realizzato

Comitato ProTriv: 10 motivi per votare no al referendum sulle trivelle

“Bufale e bugie” che potrebbero creare “rischi economici, occupazionali e ambientali per il Paese”, è quanto sostiene il comitato Pro-triv. Rischi