80 euro di bonus anche dal petrolio

80 euro di bonus anche dal petrolio

di Ivan Faiella e Alessandro Mistretta

Il ruolo del petrolio come fonte energetica si è ridotto negli anni. Ma il calo delle quotazioni del greggio produce comunque vantaggi per gli italiani. Si traduce per esempio in una minor spesa per carburanti. Che però non riguarda quel terzo di famiglie che non spende nulla per benzina o gasolio.

Costa meno, ma “conta” meno

Nella seconda parte del 2014 il prezzo del petrolio sui mercati internazionali si è dimezzato, raggiungendo i 50 dollari al barile alla fine dell’anno, un valore intorno a cui ha continuato a oscillare anche nel 2015. Un calo così marcato dovrebbe portare benefici anche ai bilanci delle famiglie e un recente studio cerca di valutare quanto potrebbe valere il bonus petrolio per il nostro paese.

Prima di dare una risposta, tuttavia, è necessario tenere conto che nel corso degli ultimi decenni il contributo del petrolio al bilancio energetico italiano si è notevolmente ridimensionato. Se nel 1970 l’oro nero rappresentava oltre il 70 per cento del consumo primario di energia, nel 2013 si era ridotto a circa un terzo. A ciò si è poi accompagnata una sostanziale riduzione dei consumi petroliferi che, dopo la grande recessione, si sono contratti di oltre il 30 per cento, raggiungendo nel 2013 il loro minimo storico di 60 milioni di tonnellate (erano 103 milioni nel 1973).

Fonte: elaborazioni di Faiella I. e A. Mistretta (2015) su dati ministero per lo Sviluppo economico.

Fonte: elaborazioni di Faiella I. e A. Mistretta (2015) su dati ministero per lo Sviluppo economico.

Non solo. Si è indebolito anche il legame tra quotazioni del greggio e prezzi dei prodotti energetici. Lo sviluppo di mercati spot del gas naturale ha posto le basi per un progressivo sganciamento dei prezzi dei contratti del gas dalle quotazioni del petrolio. Mentre la relazione tra corsi del greggio e prezzo all’ingrosso dell’energia elettrica (Pun) si è indebolita nel tempo per la radicale trasformazione del mix elettrico, la cui quota generata con prodotti petroliferi era nel 2014 meno del 2 per cento, contro il 34 del gas naturale e il 43 delle energie rinnovabili, che già dal 2012 sono la principale fonte di generazione elettrica.

Fonte: www.lavoce.info

Fonte: www.lavoce.info

 

Fonte: www.lavoce.info

Fonte: www.lavoce.info

 

Effetti sui bilanci familiari

Il beneficio principale che le famiglie italiane traggono dal calo delle quotazioni del greggio è una spesa per carburanti più leggera. La benzina meno cara produce due effetti. Del primo, quello diretto, si avvantaggiano solo le famiglie che utilizzano mezzi di trasporto privato. Il secondo è invece un effetto indiretto ed è legato alla riduzione del costo del trasporto incorporato nei beni acquistati da tutte le famiglie: nell’ipotesi che le imprese non si approprino di tutto il risparmio, ammonterebbe a circa 500 milioni. Più cospicuo appare l’effetto diretto, che consisterebbe in circa 80 euro annui a famiglia. Sulla base di valutazioni sulle abitudini di consumo dei diversi gruppi familiari, possiamo ipotizzare che circa 71 degli euro risparmiati sarebbero destinati al consumo di altri beni (complessivamente 1,8 miliardi di euro).

Come redistribuire i guadagni

Ma i vantaggi del calo dei prezzi del carburante non ricadono nello stesso modo su tutte le famiglie italiane.

Il beneficio sarebbe minore per gli anziani soli e per le famiglie meno abbienti, ovvero le due categorie che spesso hanno una spesa per carburanti nulla, in quanto non possiedono veicoli. Secondo l’Indagine sui consumi delle famiglie dell’Istat sui dati 2013, infatti, tra le famiglie con consumi più bassi quasi la metà non acquista né benzina né gasolio (contro un terzo per il totale delle famiglie). I maggiori benefici andrebbero invece alle coppie con figli e alle famiglie residenti al centro o con capofamiglia occupato.

Cosa si può fare, allora, perché almeno una parte degli effetti diretti derivanti dal minor costo del greggio possa raggiungere anche le famiglie che non spendono nulla in carburanti? Si potrebbe istituire una carbon tax sulla falsariga di quanto proposto da Federico Cingano e Ivan Faiella, che avrebbe lo scopo di contrastare l’aumento delle emissioni di gas serra. I suoi proventi, tuttavia, potrebbero essere utilizzati per ridurre il peso del finanziamento delle fonti rinnovabili che grava sulla bolletta elettrica – che incide di più sulla spesa delle famiglie meno abbienti. In questo modo i guadagni che derivano dal petrolio meno caro sarebbero redistribuiti anche alle categorie che per il momento non ne beneficiano.

 

Fonte: Lavoce.info

Data: Novembre 2015

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
combustibili fossilicostienergia

Articoli correlati

Speciale nucleare: quattro anni da Fukushima

Il Giappone si è fermato a ricordo della triplice  catastrofe abbattutasi l’11 marzo del 2011 sul nordest del Paese, con il sisma/tsunami

Per i produttori di petrolio i soldi comandano ed è solo per questo che non possono fermare le perforazioni

Gli investitori hanno inviato un messaggio sorprendente ai produttori di scisto statunitensi quando il greggio è sceso di quasi il

La transizione energetica non può più aspettare

Intervista con Giulio Volpi esperto in rinnovabili presso la Commissione Europea  Nell’Unione dell’energia, come sarà strutturato il sistema unico elettrico? Quale