A New York il solare cresce dell’800 per cento

A New York il solare cresce dell’800 per cento

Nello Stato di New York l’energia solare è aumentata di quasi l’800 per cento tra il dicembre 2011 e il dicembre 2016, sviluppando quasi 1,5 miliardi di dollari di investimenti privati, ad annunciarlo  è stato il Governatore Andrew M. Cuomo. Lo Stato di New York si è posto l’obiettivo di raggiungere il 50 per cento di energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili entro il 2030 e grazie al solare si sta avvicinando alla meta, tanto che nel 2013 aveva già raggiunto il 22 per cento.

Un miliardo di dollari puntato sul solare

La crescita del solare e in generale delle rinnovabili nello Stato di New York si deve soprattutto al Governatore Cuomo che ha riformato la strategia energetica dello Stato e ha posto il fotovoltaico al centro della politica energetica. Nel 2014 Cuomo ha preso un impegno storico puntando quasi un miliardo di dollari sul programma “NY-Sun”, creato per stimolare il mercato e aumentare il numero degli impianti solari presenti nello Stato per i successivi 10 anni: l’obiettivo è di aggiungere più di tre gigawatt di capacità solare installata entro il 2023.

Fonte: Lifegate

Data: Marzo 2017

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
politiche energetichesolareStati Uniti

Articoli correlati

Riforma bollette elettriche: associazioni presentano esposto al Garante della Concorrenza e alla Commissione Ue

Le associazioni dei consumatori e ambientaliste (Adusbef, Codici Associazione Consumatori, Greenpeace, ITALIA Solare, Kyoto Club, Legambiente e WWF) hanno avviato una battaglia legale contro

Nove grandi società statunitensi si impegnano a passare al 100% di energia rinnovabile

Nove tra le più grandi società americane, tra cui Nike e Walmart, si sono impegnate a passare alle energie rinnovabili

La Germania prevede di pagare i consumatori per utilizzare l’energia rinnovabile in eccedenza

I produttori di elettricità tedeschi sono pronti a pagare i consumatori per utilizzare l’elettricità. Secondo i dati da Bloomberg, la