Aie, ora sono i governi che devono agire se si vuole fare qualche cosa per il clima prima che sia troppo tardi

Aie, ora sono i governi che devono agire se si vuole fare qualche cosa per il clima prima che sia troppo tardi

Se i mercati dell’elettricità continueranno a dipendere dalle centrali a carbone – che oggi rappresentano un terzo delle emissioni di CO2 – o dalle centrali a gas, non saremo in grado di raggiungere gli obiettivi  dell’Accordo di Parigi, è quanto sostiene l’Agenzia internazionale dell’energia (Aie) che ha appena pubblicato il suo report annuale World Energy Outlook 2018 sugli scenari energetici globali. Il report non fa altro che confermare quanto emerso dall’ultimo rapporto del Ipcc sulla necessità di agire subito per contrastare i cambiamenti climatici.

A livello mondiale sta rapidamente aumentando la produzione di energia fotovoltaica ed eolica e la quota di energia rinnovabile nella produzione di elettricità aumenterà oltre il 40 per cento nel 2040. Ma la tendenza deve essere accelerata per raggiungere gli obiettivi dell’Accordo di Parigi.

L’elettrificazione deve passare dalle rinnovabili

L’impulso alla mobilità elettrica, al riscaldamento elettrico e all’accesso all’elettricità determinerà un aumento del 90 per cento della domanda elettrica da qui al 2040. Una maggiore elettrificazione, sebbene riduca l’inquinamento locale, porterebbe da qui al 2030 a un picco nella domanda di petrolio con un aumento delle emissioni di CO2 a livello globale. Secondo l’Aie sono quindi necessari sforzi per aumentare la quota di fonti energetiche rinnovabili e a basse emissioni di carbonio nel mix energetico.

“Abbiamo esaminato tutte le infrastrutture energetiche esistenti e in costruzione a livello globale – come centrali elettriche, raffinerie, automobili e camion, caldaie industriali e sistemi di riscaldamento domestici – e rappresentano circa il 95 per cento di tutte le emissioni consentite nei prossimi anni in termini di target climatici”, ha detto Fatih Birol, direttore esecutivo dell’Aie. “Questo significa che se il mondo è seriamente intenzionato a raggiungere i suoi obiettivi climatici, allora, ad oggi, deve esserci una preferenza sistematica per gli investimenti nelle tecnologie energetiche sostenibili”.

Fonte: Lifegate

Data: Novembre 2018

Leggi l’articolo



Articoli correlati

Cosa prevede il nuovo accordo europeo sulle energie rinnovabili al 2030

È stato raggiunto l’accordo europeo tra Parlamento europeo, Commissione europea e Consiglio europeo su quella che la sarà la transizione

Sussidi alle fossili e ritardi su carbon tax, l’UE richiama l’Italia

Con il suo ultimo documento “Country Specific Reccomendations”,   l’Ue ha richiamato l’Italia per il ritardo nell’introdurre tasse modulate secondo il

Overshoot Day:  5 giorni prima rispetto al 2015 abbiamo esaurito le risorse ecologiche per il 2016

di Luca Mercalli Mentre l’economia globale, la popolazione, l’estrazione di risorse naturali e l’inquinamento crescono, le dimensioni della Terra rimangono