Alle porte di Milano pronti a sbocciare 285mila tulipani

Alle porte di Milano pronti a sbocciare 285mila tulipani

Alla periferia di Milano due olandesi, Edwin e Nitsuhe, hanno realizzato il primo giardino di tulipani in Italia. La società si chiama “Tulipani italiani” ed è formata da un campo di 10mila metri quadrati (un po’ meno di due campi da calcio) nel quale sono stati piantati 250mila tulipani in 185 varietà. Uno spazio aperto a tutti, dove è possibile passeggiare, fotografare, godere dello spettacolo dei tulipani in fiore e se si vuole anche raccoglierli.

 

#tulipani a Cornaredo una foto in anteprima per voi…

Un post condiviso da Succede A Legnano (@succedealegnano) in data:

Un campo dove andare a raccogliere i tulipani

Tulipani Italiani nasce da un progetto di Edwin Koeman, 39 anni, olandese, cresciuto in una famiglia di coltivatori di tulipani nei pressi di Amsterdam. Edwin decide, assieme alla fidanzata Nitsuhe Wolanios di 31 anni con una laurea in economia e appassionata di ambiente, di realizzare in Italia il primo tulip u-pick field. Così un giorno Edwin e Nitsuhe dopo un lungo periodo di ricerca hanno trovato a Cornaredo, in provincia di Milano l’area ideale. Un ex campo di mais che per caratteristiche e dimensioni poteva essere il posto ideale per avviare una coltivazione di tulipani che non utilizza fertilizzanti e pesticidi.

Il campo e la fioritura

La coltivazione è stata divisa in due aree, un campo centrale con 230mila bulbi misti dove si potranno raccogliere i fiori e un giardino espositivo con 50 bulbi di tutte le varietà in ordine alfabetico e le indicazioni per trovare le varietà nel campo di raccolta. La fioritura dei tulipani dura per tutto il mese di aprile e l’apertura del tulip u-pick field è stata il 29 marzo.

Fonte: Lifegate

Data: Aprile 2017

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
ambiente

Articoli correlati

L’Irlanda vota per mettere al bando gli investimenti sui combustibili fossili

L’Irlanda ha votato una legge che la candida ad essere il primo paese al mondo a disinvestire completamente il denaro

Il futuro dei motori dopo il Dieselgate: meno gasolio e più auto elettriche

Delle ripercussioni del Dieselgate sulla Volkswagen si è già parlato molto. Il crollo delle azioni in Borsa del colosso di

La sfida dei costi più bassi: le rinnovabili stanno vincendo sui combustibili fossili

I combustibili fossili sono stati per lungo tempo l’avanguardia della produzione di elettricità, ma recenti rapporti e studi hanno concluso