L’allineamento delle politiche per un’economia a basse emissioni di carbonio

Far fronte al cambiamento climatico richiede un’urgente azione pubblica per guidare una trasformazione senza precedenti delle infrastrutture e della tecnologia a livello mondiale.

Un maggior numero di Paesi sta attuando politiche climatiche fondamentali: attribuzione di un prezzo al carbonio e strumenti basati sul mercato, interventi normativi e sostegno mirato all’innovazione nelle tecnologie sostenibili a basso contenuto di carbonio. Tuttavia, le emissioni globali di gas serra sono aumentate rapidamente e non sono ancora diminuite abbastanza da evitare gravi e irreversibili impatti sul clima.

Il rapporto dell’OECD “Aligning Policies for a Low-carbon Economy” presenta la prima ampia diagnosi delle incoerenze con gli obiettivi climatici in aree essenziali per la transizione verso un’economia a basso contenuto di carbonio. Il rapporto richiama l’attenzione su numerose contraddizioni in settori dell’azione pubblica quali la finanza, la tassazione, le politiche commerciali, l’innovazione e l’adattamento al cambiamento climatico, nonché in tre specifici settori come l’elettricità, la mobilità urbana e l’utilizzo dei terreni.


Tags assigned to this article:
cambiamento climaticocombustibili fossilivideo

Articoli correlati

Allungare il passo prima che sia troppo tardi: l’avvertimento di Irena per raggiungere gli obiettivi di Parigi sul clima

Moltiplicare per sei la velocità con cui si sta diffondendo l’energia rinnovabile nel mondo: è questo, secondo l’Agenzia internazionale per

La svolta dell’accordo sul clima: l’Italia ce la farà?

L’accordo sul clima è stato siglato a Parigi nel dicembre 2015 e firmato a New York venerdì scorso. Più di

Il mondo potrebbe funzionare al 100% con le energie rinnovabili?

Ogni anno, il mondo usa 35 miliardi di barili di petrolio. Questa cifra misura l’enorme dipendenza del mondo dai combustibili