Aperte le iscrizioni alla 13a edizione del Master Ridef

Aperte le iscrizioni alla 13a edizione del Master Ridef

Rinnovabili, decentramento, efficienza e sostenibilità. Sono i quattro gli elementi cardine del Master Ridef 2.0, giunto alla sua 13a edizione che da oggi ha aperto le iscrizioni. Anche quest’anno la formazione sarà strutturata sia in ore di didattica frontale sia in attività di laboratorio, esercitazioni e lavori di gruppo, vero motore del corso e strumento privilegiato per permettere agli studenti di mettersi in gioco e simulare momenti fondamentali della quotidianità lavorativa.

Iscrizioni

Il bando è online su www.ridef.it. Per iscriversi basta cliccare su Iscriviti alle selezioni e compilare il form!Sono previste numerose agevolazioni alla frequenza (borse di studio) a disposizione degli studenti.

Le iscrizioni ai colloqui di selezione si chiuderanno il 27 novembre 2016. Per ulteriori informazioni scrivere a info@ridef.it o chiamare il numero verde 800.760.999.

Il giorno 7 novembre 2016 a partire dalle ore 16.30 presso il Dipartimento di Energia del Politecnico di Milano si terrà la presentazione del corso. Iscriviti subito inviando una mail a info@ridef.it E’ possibile seguire la presentazione sia in aula sia via web.

Il Master Ridef

Il Master Universitario di II livello RIDEF 2.0 nasce nel 2003 sulla base dell’intuizione dei notevoli cambiamenti che si profilavano nel sistema energetico nazionale e globale. Oggi, la recente ratifica da parte dell’Europa degli accordi di Parigi e il fervore che accompagna l’aggiornamento delle direttive sull’efficienza energetica e sulla prestazione degli edifici in discussione a Bruxelles, indicano che il cammino intrapreso a Kyoto nel 1997 è una rotta consolidata, che guiderà la revisione dell’intero sistema energetico del paese, e che necessita operatori esperti a lavorare sul campo per compiersi.

Occorrono professionalità in grado di affrontare in maniera innovativa i temi dell’efficienza energetica, della produzione di energia rinnovabile e decentrata, della mobilità sostenibile, della trasformazione della rete in Smart Grid, della pianificazione territoriale.

Dal 2003, il Master RIDEF 2.0 ha collezionato 12 anni di successi e la formazione di professionalità qualificate inserite nelle realtà pubbliche e private che stanno gestito le radicali trasformazioni del panorama energetico del Paese.

Sono oltre cento i docenti provenienti dal mondo accademico, industriale e pubblico che partecipano attivamente alle attività didattiche, e oltre 300 i diplomati, ingegneri, architetti, economisti, fisici, scienziati ambientali, laureati in giurisprudenza e scienze politiche che, una volta conseguito il Master, hanno dato il loro contributo nel panorama energetico di questi anni, con un tasso di collocazione lavorativa immediata molto elevato (superiore all’90%), grazie anche agli stage di alto livello che il RIDEF ha saputo offrire.

La didattica del Ridef 2.0

L’articolazione didattica del RIDEF 2.0 contempla alcune innovazioni innestate sulla struttura sviluppata per la scorsa edizione: due parti comuni a tutti gli iscritti dedicate a

  • Contesto, tecnologie, mercati e policy
  • Pianificazione energetica territoriale e gestione dei centri urbani;

due percorsi paralleli a scelta

  • Generazione sostenibile di energia, reti e mercati
  • Edifici ad alte prestazioni e a energia quasi a zero;

due ulteriori moduli, sempre a scelta, dedicati ai temi di

  • Management dei servizi di pubblica utilità
  • Efficienza energetica nell’industria.

Tags assigned to this article:
formazionemaster

Articoli correlati

1, 2, 3… Energia!

Idee fantasiose e suggerimenti concreti per risparmiare energia nelle nostre case e renderle sempre più vivibili ed accoglienti.   Presentato

L’inquinamento dell’aria spiegato ai più piccoli

Il taglio degli alberi è uno dei principali motivi dell’inquinamento atmosferico. L’aria si inquina anche a causa del fumo rilasciato

Profondo nero. Il viaggio del carbone dalla Colombia all’Italia: la maledizione dell’estrattivismo

“Profondo Nero” racconta la rotta del carbone dalla Colombia all’Italia e i pesanti effetti causati sul Paese latino-americano dalla maledizione