Un futuro senza carbone per il principale produttore elettrico australiano

Un futuro senza carbone per il principale produttore elettrico australiano

Il più grande produttore australiano di energia elettrica si è impegnato a chiudere le proprie centrali a carbone entro 35 anni. Il piano è parte di uno sforzo più ampio finalizzato a ridurre la dipendenza del paese dal combustibile fossile.

AGL Energy Ltd. espanderà ulteriormente le sue attività nelle energie rinnovabili, concentrandosi inizialmente su progetti più piccoli, è quanto ha detto Andy Vesey Chief Executive Officer durante un’intervista telefonica intanto che era nel New South Wales, in occasione dell’accensione di un impianto solare da 102 megawatt.

L’azienda con sede a Sydney sta pianificando l’abbandono del carbone dopo che i capi di oltre 40 aziende di livello mondiale come Ikea, Dow Chemical Co. e HSBC Holdings Plc si sono impegnati a spingere per un’economia a basse emissioni di carbonio e hanno invitato i leader mondiali a sigillare un accordo alla conferenza di Parigi di dicembre per limitare le emissioni dei combustibili fossili.

L’Australia aveva già previsto di chiudere le sue centrali a carbone entro il 2050, ma i piani di AGL sono una “forte presa di posizione,” ha detto Tony Wood, direttore energia presso Grattan Institute di Melbourne.

Oltre a chiudere tutte le sue centrali a carbone esistenti entro il 2050, AGL fa sapere che non prolungherà la vita dei suoi impianti a carbone e non costruirà nuove centrali a carbone.

Fonte: Bloomberg

Data: Aprile 2015

Leggi l’articolo in inglese


Tags assigned to this article:
Australiacarbone

Articoli correlati

Le chiare idee della Generazione Z sui trasporti

Dalla redazione di Canale Energia La generazione Z si aspetta di più dal sistema di trasporto europeo. La fascia di

5 grafici su clima e rinnovabili da non perdere

Il 2015 è stato un anno importante per il clima e le soluzioni al cambiamento climatico. Un gran numero di

Cosa è successo dopo il discorso inaugurale di Donald Trump

Il vincitore delle elezioni presidenziali dell’8 novembre 2016, Donald J. Trump, ha giurato da 45esimo presidente degli Stati Uniti d’America,