Boom di veicoli elettrici in Asia entro il 2040

Boom di veicoli elettrici in Asia entro il 2040

I veicoli elettrici potrebbero costituire il 35 per cento delle vendite di auto nuove in Asia entro il 2040, grazie ad una significativa riduzione dei prezzi delle batterie ed ad una nuova mentalità diffusasi rapidamente tra i consumatori, ma anche nell’industria e nei governi. È questo quanto racconta un nuovo rapporto sugli investimenti a livello globale.

Il rapporto Asia Equity Strategy, realizzato da HSBC Global Research, approfondisce 10 linee d’investimento per il prossimo decennio che si prevede generino una crescita superiore alla media “a prescindere dal contesto macro”.

Queste linee, che vanno dalla bellezza e assistenza sanitaria alle energie rinnovabili e robotica, comprendono una categoria chiamata “Charge me“, che prevede che le vendite di veicoli elettrici in tutta l’Asia aumentino drasticamente, coprendo il 35 per cento delle vendite di auto totali entro il 2040, così come è stato stimato da Bloomberg New Energy Finance.

Il rapporto pone il mercato globale dei veicoli elettrici nel bel mezzo del suo terzo boom mondiale, che si dice sia già in atto dal terzo trimestre del 2015, grazie alla forte domanda in Cina a seguito dello scandalo sulle emissioni di Volkswagen, al lancio di un modello Tesla più accessibile e ad una forte riduzione del costo delle batterie agli ioni di litio che attualmente rappresentano il 30-40 per cento del prezzo di un EV.

Al centro di questa evoluzione c’è una significativa riduzione dei prezzi delle batterie” – affermano gli autori del rapporto, Herald van der Linde e Devendra Joshi – una riduzione che a sua volta è guidata da un rapido aumento della produzione.

“Se la percentuale di veicoli elettrici sulla strada salisse al 3,8 per cento nel 2020 dal 0,4 per cento del 2014, la domanda di batterie agli ioni di litio salirà di 14 volte”, osserva il rapporto. “Questo a beneficio dei produttori di batterie, così come dei produttori di componenti che trarranno beneficio dal crescente contenuto elettronico delle auto”.

Politiche di sostegno e più severe normative ambientali hanno contribuito a perpetuare questo circolo virtuoso, ammette il rapporto.

L’aggressivo programma sulle sovvenzioni in Cina, ad esempio, alla base di un obiettivo dichiarato di salire a 5 milioni di auto elettriche sulle strade entro il 2020, dovrebbe creare un effetto positivo a catena per l’intero ecosistema EV e delle batterie agli ioni di litio.

La Corea ha in programma di introdurre incentivi fiscali per i veicoli elettrici e HEV, aggiunge la ricerca; mentre in India, il governo l’anno scorso ha lanciato un programma chiamato FAME – Faster Adoption and Manufacturing of Hybrid and Electric cars – che offre sovvenzioni fino a 2 mila dollari americani per auto verdi.

Ed i produttori di automobili stanno già rispondendo. Hyundai, che ha recentemente introdotto un nuovo EV che può viaggiare a 180 km con una singola carica, punta ad una quota del 50 per cento nel mercato EV della Corea entro il 2020 (circa 200.000 unità solo in Corea).

Ma il rapporto suggerisce anche che un importante ostacolo ideologico è stato cancellato, aprendo la strada per un cambiamento nel settore automobilistico dai motori a combustione interna alle auto elettriche.

Fonte: RE New Economy

Data: Luglio 2016

Leggi l’articolo in inglese


Tags assigned to this article:
politiche energetichetecnologiatrasporti

Articoli correlati

Dalle sabbie bituminose all’eolico offshore: il salto di un gigante del petrolio

La norvegese Statoil, compagnia che opera nel settore del petrolio e del gas, negli ultimi giorni del 2016 ha messo

La svolta dell’accordo sul clima: l’Italia ce la farà?

L’accordo sul clima è stato siglato a Parigi nel dicembre 2015 e firmato a New York venerdì scorso. Più di

Tutto cambia: energia e ambiente verso Parigi

di Stefania Migliavacca. Il 10 novembre è stato pubblicato dall’International Energy Agency (Iea) il “World Energy Outlook 2015“. La pubblicazione,