Cina, la petroliera iraniana sta soffocando l’ecosistema marino

Cina, la petroliera iraniana sta soffocando l’ecosistema marino

L’affondamento della petroliera iraniana Sachi al largo delle coste cinesi, avvenuto il 14 gennaio, è ora un disastro ambientale. La fuoriuscita di greggio ha inquinato 130 chilometri quadrati di mare. La petroliera trasportava 136mila tonnellate di petrolio ultra leggero (condensato) e il 6 gennaio è entrata in collisione con un mercantile di Hong Kong, in Cina, che trasportava grano. Dopo una settimana in cui è stata avvolta dalle fiamme, innalzando una colonna di fumo nero come la pece per ben un chilometro, ora è colata a picco.

Cos’è il greggio condensato

Con lo sversamento del greggio condensato non vedremo la tristemente conosciuta grande macchia nera oleosa che galleggia sulla superficie e soffoca le acque sottostanti, bensì una nuvola sottomarina tossica d’idrocarburi invisibile dalla superficie del mare. È una macchia trasparente e molto volatile, perché i condensati sono idrocarburi molto leggeri di alta qualità, inodori e incolori, sottoprodotti della produzione di gas naturale. Il greggio condensato viene utilizzato dalle raffinerie per produrre combustibili come benzina e diesel e nell’industria petrolchimica per produrre alcuni tipi di plastiche.

Paura per i danni ambientali causati dall’affondamento della petroliera

Il petrolio fuoriuscito dalla petroliera sta ancora bruciando, ha fatto sapere il ministro cinese dei Trasporti, e la macchia di greggio ha raggiunto i 18,5 chilometri di lunghezza e i 7,4 di larghezza.

Richard Steiner, esperto del settore e della gestione delle emergenze, ha definito l’incidente come “il più grande sversamento di greggio condensato della storia. Dopo una settimana di esplosioni e incendi le condizioni della chiglia della nave sono sicuramente scadenti, nessuno dei compartimenti e delle stive è possibile che sia rimasto intatto, tutto il condensato e il carburante della nave è, a mio parere, stato rilasciato”.

Fonte: Lifegate

Data: Gennaio 2018

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
ambientecombustibili fossiliinquinamentopetrolio

Articoli correlati

Il sistema finanziario deve considerare gli eventi climatici estremi, o rischia di condannare a morte milioni di persone

E’ incredibile come i mercati finanziari, che si vantano della loro capacità di analisi dei dati e di previsione, abbiano un

Di cosa parliamo quando parliamo di voto sulle trivelle

di Marzio Galeotti e Alessandro Lanza Domenica 17 aprile si terrà il referendum sulle trivelle, termine evocativo quanto inesatto. Perché

Perché il G7 parla di decarbonizzazione

In pochi anni, l’obiettivo di un sistema energetico libero dalle emissioni di CO2 provocate dall’uso del carbone ha abbandonato il