Comitato ProTriv: 10 motivi per votare no al referendum sulle trivelle

Comitato ProTriv: 10 motivi per votare no al referendum sulle trivelle

“Bufale e bugie” che potrebbero creare “rischi economici, occupazionali e ambientali per il Paese”, è quanto sostiene il comitato Pro-triv. Rischi che si concretizzerebbero per i sostenitori del ‘no’ se al referendum del 17 aprile vincesse il ‘sì’. Il referendum è stato indetto per decidere di non rinnovare le concessioni al loro termine per le piattaforme entro le 12 miglia marine anche se c’è ancora da estrarre. Per evitarlo, ecco un decalogo di informazioni pro-Triv diffuse dal Comitato ‘Ottimisti e razionali’, che a Roma ha presentato la propria posizione in merito al referendum. Fedele al proprio nome, il Comitato ha una posizione “ottimista e contro i catastrofismi”, ma anche “razionale per contrastare paure, allarmi e luoghi comuni”.

Al referendum del 17 aprile per decidere di non rinnovare le concessioni al loro termine per le piattaforme entro le 12 miglia marine anche se c’è ancora gas da estrarre, “non bisognerà andare a votare. Si tratta di un referendum ingannevole e dannoso“: è l’invito di Gianluca Borghini, presidente del comitato ‘Ottimisti e razionali’, che oggi a Roma presenta la posizione del gruppo pro-Triv, dunque per il ‘no’ al referendum. Ma sarebbe meglio dire “contro il referendum”, nell’auspicio che non si raggiunga nemmeno il quorum.

Ecco il decalogo ‘ProTriv’:

1) Una sola cartiera di medie dimensioni consuma piú del doppio del consumo annuale di tutto il settore Oli&Gas.

2) Il settore ha una produzione di rifiuti inferiore, almeno 100 volte, al settore chimico e siderurgico.

3) Le trivellazioni si svolgono su aree assai limitate.

4) Le piattaforme non inquinano, niente viene scaricato in mare. 5) Le piattaforme sono oasi si ripopolamento ittico, nelle aree circostanti esiste il divieto della pesca a strascico.

6) Il catrame che troviamo a volte sulle spiagge é prodotto dalle imbarcazioni e non dalle trivelle.

7) Lo stop alla produzione idrocarburi aumenterà il transito di navi per l’import di combustibili.

8) Sono piú di 400 le imprese Oil&Gas coinvolte in Italia.

9) Il settore dá lavoro a circa 100mila addetti nella fornitura di beni e servizi.

10) Il fatturato annuo é superiore ai 20 miliardi.

Fonte: Dire Ambiente

Data: Marzo 2016

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
ambientepolitiche energetichereferendum

Articoli correlati

Prima bozza dell’accordo Cop21: le rinnovabili sono fuori dagli obiettivi a lungo termine

Dal nostro corrispondente Eric J. Lyman (@EricJLyman) PARIGI – La prima bozza del testo di negoziato Cop21 sul clima di

Fotovoltaico, il Regno Unito annuncia tagli agli incentivi

Il Regno Unito, uno dei mercati europei in ascesa per il fotovoltaico, ha annunciato una frenata sugli incentivi al solare.

Ikea scommette 1 miliardo sulle rinnovabili, più di quanto fanno molti Stati

Ikea prova a ridurre l’impatto sull’ambiente investendo pesantemente nell’energia verde e nella lotta al cambiamento climatico. La società svedese, leader