COP21, storico accordo per il clima. La spinta alle rinnovabili è una delle conseguenze

COP21, storico accordo per il clima. La spinta alle rinnovabili è una delle conseguenze

Dal nostro corrispondente a Parigi  Eric J. Lyman (@EricJLyman)
A Parigi – i rappresentanti di quasi 200 paesi – che hanno lavorato un giorno in più del previsto – sabato hanno raggiunto quello che sarà il primo in assoluto accordo globale a livello mondiale sui cambiamenti climatici.

L’accordo è stato accolto da una standing ovation dei negoziatori e osservatori ormai esausti, molti piangono, si abbracciano e scattano foto per immortalare il momento storico.

“Ce l’avete fatta”, ha detto orgoglioso il presidente francese Francois Hollande all’assemblea plenaria. “Siete riusciti dove sei anni fa ci fu il fallimento” – facendo riferimento al vertice di Copenaghen del 2009, che non fu in grado di mettere d’accordo i negoziatori. – “Siete riusciti quest’anno, quando ancora c’era un alto livello di scetticismo. Sono orgoglioso che abbiate raggiunto l’accordo qui a Parigi.”

Il nuovo accordo di Parigi fissa un obiettivo globale di mantenere l’aumento della temperatura in tutto il mondo “ben al di sotto di 2 gradi” rispetto ai livelli pre-industriali e delinea un piano affinché ci sia un maggiore impegno nel corso del tempo per la riduzione delle emissioni. L’accordo stabilisce inoltre che i Paesi ricchi dovrebbero stanziare almeno 100 miliardi di dollari l’anno per adattarsi agli impatti dei cambiamenti climatici e rendere le loro economie più resistenti.

Rinnovabili spinte indirettamente dall’accordo

“La ruota per il clima entra in azione lentamente, ma a Parigi si è messa in moto”, ha detto Kumi Naidoo, direttore esecutivo di Greenpeace International. “Ora dobbiamo mettere [l’accordo] in funzione.” Naidoo ha poi aggiunto: “L’accordo metterà l’industria dei combustibili fossili sul lato sbagliato della storia”

In base all’accordo gli impatti sui produttori di energia rinnovabile sono indiretti. Nel testo, infatti, non è esplicitato in modo diretto una “maggiore diffusione delle energie rinnovabili”, ma gli esperti dicono che gli obiettivi di temperatura a lungo termine e la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra costringeranno i paesi a incentivare la produzione di energia pulita per riuscire a raggiungere gli obiettivi dichiarati.

“Non c’è dubbio che l’attuazione dell’accordo di Parigi e la sua architettura sarà una grande spinta per le aziende energetiche rinnovabili”, ha detto Christiana Figueres, Segretario generale delle Nazioni Unite per il cambiamento climatico.


Articoli correlati

Decarbonizzazione in tre step. Le istruzioni della Banca Mondiale

pubblichiamo un articolo dal sito di Canale Energia I costi della decarbonizzazione sono destinati a crescere del 50% se i governi non

I veri drivers del futuro a basse emissioni: Cina e India

Anche il solitamente prudente The Guardian si è entusiasmato per il segnale di serietà ‘mondiale’ sul cambiamento climatico evidenziato dal

5 disastri ambientali legati all’energia che hanno cambiato la storia

Chernobyl, l’incidente della Exxon Valdez, quello avvenuto sulla Deepwater Horizon o sulla Prestige e Fukushima sono solo cinque tra i