Cosa pensano davvero gli Americani su energia e clima

Cosa pensano davvero gli Americani su energia e clima

C’è una ricchezza di informazioni da esplorare in epoca moderna, non mancano nuove idee o punti di vista contrari da dover scoprire. Con tutte queste informazioni a portata di mano, si presume che molte persone stiano diventando sempre più aperte a considerare nuovi punti di vista.

Invece, in realtà, è vero il contrario: i media moderni sono una cassa di risonanza.

Facebook e Google creano entrambi il vuoto di informazione: prendendo a riferimento solo le vostre attività passate, verrà visualizzata solo la “notizia” che è orientata a fornire conferme. In altre parole, si vedono post nel proprio newsfeed e risultati di ricerca che tendono a confermare le credenze pre-esistenti, piuttosto che sfidarle.

Come si può sfidare tutto questo?

Invece di limitarsi a partire da quello che gli altri credono, vale la pena cercare attivamente i dati che forniscono una prospettiva ampia ed imparziale. Poi, interpretate ed interiorizzate i dati e avrete un’idea molto più rappresentativa di ciò che la gente pensa.

In questa infografica, che utilizza i dati di un sondaggio condotto dalla Ap-Norc e dal Energy Policy Institute, otteniamo una sintesi dei pareri su energia e cambiamenti climatici di un campione rappresentativo a livello nazionale di 1.096 americani.

L’analisi dei dati dell’indagine ci aiuta a capire ciò che gli americani pensano in realtà, piuttosto che quello che si suppone possano pensare.

 

Courtesy of: Visual Capitalist

Fonte: Visual Capitalist

Data: Dicembre 2016

Guarda l’infografica



Articoli correlati

Il ciclo del carbonio raccontato

ll Global Carbon Project è un programma scientifico che si propone di tracciare un quadro completo del ciclo del carbonio

Come sarebbe la Terra, se tutto il ghiaccio si sciogliesse

Dall’anno scorso sappiamo che molti degli effetti del cambiamento climatico sono irreversibili. I livelli del mare sono aumentati di anno

Futuro energetico e crescita

di Elena Comelli Per mettere le carte in tavola ci sono voluti vent’anni. Ora ci siamo. Oltre 150 Paesi, equivalenti