Costi ed efficienza nel futuro dell’oil & gas

Costi ed efficienza nel futuro dell’oil & gas

Nonostante la maggioranza dei professionisti europei del settore oil & gas (68%) si stia preparando per un lungo periodo di prezzi bassi per il petrolio, ci sono motivi per cui essere ottimisti, in base a un nuovo studio pubblicato dalla società norvegese di consulenza, assicurazione e certificazione DNV GL, advisor tecnico leader di settore per l’oil & gas.

A dispetto delle preoccupazioni per il calo dell’occupazione, ci si attende un significativo cambiamento nella gestione dei costi, capace di dare la priorità all’efficienza, alla semplificazione e alla promozione dell’innovazione.

Secondo lo studio “A New Reality: the outlook for the oil and gas industry in 2016”, basato su un’indagine condotta da DNV GL a livello internazionale, che ha coinvolto 921 professionisti esperti del settore, la gestione dei costi sarà la priorità per il 2016 secondo il 41% degli intervistati.

L’outlook per il settore oil & gas nel 2016 è uno studio di benchmark realizzato da DNV GL, advisor tecnico leader di settore. Giunto alla sua sesta edizione, il programma tiene conto dei 5 report annuali precedenti; il primo risale all’inizio del 2011.

Tra ottobre e novembre 2015 sono stati intervistati 921 professionisti senior e dirigenti del settore oil & gas a livello globale. Più di un terzo (35%) degli intervistati lavora per società di oil & gas, mentre il 60% opera per società di fornitura e di servizi. Il restante 5% è composto da regolatori e associazioni di settore.

Le società coinvolte sono di diverse dimensioni: il 40% ha avuto ricavi annuali fino a 500 milioni di dollari, mentre il 14% ha avuto un fatturato superiore a 1 miliardo di dollari. Gli intervistati sono stati selezionati da società quotate e da società private. Sono rappresentativi di un ventaglio di funzioni all’interno del settore, da amministratori ad ingegneri senior.

I risultati dello studio

Per ottenere un controllo più rigoroso dei costi si punterà sul miglioramento dell’efficienza produttiva degli assets esistenti (31% in Europa continentale rispetto al 25% delle risposte ottenute a livello mondiale).

Ridurre l’esposizione a progetti rischiosi o costosi è indicato dal 29% nell’Europa continentale (mentre globalmente la percentuale cala al 25%) e il 27% introdurrà processi e design più semplici (vs il 20% a livello globale).

Per contenere i costi, l’Europa continentale si focalizzerà sulla riduzione del personale, ma in minor grado rispetto alla media mondiale (22% vs 31% globalmente); si sta anche riducendo la pressione sulla catena di produzione, dal 31% nel 2015 al 27%.

Liv Hovem, Regional Manager Europa continentale, Nord e Est Africa per DNV GL Oil & Gas, dice: “Anche se il settore oil & gas in Europa dovrà aspettarsi ancora soluzioni di breve periodo di taglio dei costi e calo dell’occupazione, ci sono motivi di ottimismo. Le aziende stanno portando avanti iniziative di reingegnerizzazione dei progetti per creare più efficienza e generare più valore nel lungo periodo”.

Ci sono segnali positivi che il settore stia adottando una visione di lungo periodo per la gestione dei costi: sei intervistati su dieci dichiarano che le loro organizzazioni cercheranno di raggiungere una maggiore standardizzazione degli strumenti e dei processi durante il 2016. La standardizzazione nell’Europa continentale nel 2016 si concentrerà sui processi e sulla loro progettazione, oltre che sulle procedure operative.

L’innovazione e la ricerca

Inoltre, più della metà degli intervistati (55%) ha risposto che la propria organizzazione punterà su un approccio di lungo periodo in materia di innovazione e ricerca e sviluppo, rispetto a una media globale pari al 49%.

La ricerca si focalizzerà sulla produzione di Gnl e gas (43% vs 17% a livello globale) e sulle operazioni sottomarine (18% vs 20% a livello globale).

La strategia più comune per mantenere l’innovazione, riducendosi il budget, resta la collaborazione con altri attori del settore (47%).

Quasi uno su tre (28%) prevede un maggior coinvolgimento in progetti congiunti di settore nel prossimo anno.

Elisabeth Tørstad, Ceo di DNV GL Oil & Gas, aggiunge: “Innovare non significa solo inventare tecnologie sensazionali: seppure sia molto importante, si tratta anche di semplificare e rendere più efficiente ciò che già esiste e, in ultima analisi, di aiutare il settore a ridurre i costi in modo sicuro”.

Il futuro di Gnl e gas

In Europa continentale si prevede che le tecnologie sottomarine (32%), quelle per il recupero del petrolio e quelle relative agli impianti galleggianti per il trattamento dell’Lng ovvero Gnl (menzionate dal 29%), saranno le più importanti del 2016, in linea con i valori a livello globale. Il 62% degli intervistati in Europa continentale crede che il settore dell’oil & gas si consoliderà nel 2016, rispetto al 72% a livello globale.

 

Fonte: E-gazette.it

Data: Febbraio 2016

Leggi l’articolo

Leggi la ricerca di DNV-GL


Tags assigned to this article:
efficienzagaspetroliotecnologia

Articoli correlati

Il taglio dei sussidi dimostra che è arrivata l’ora delle rinnovabili

Alcuni governi in Europa stanno introducendo misure che limitano il sostegno finanziario alle energie rinnovabili. Tali provvedimenti non dovrebbero essere visti come

Il finanziamento per esportazione di fonti fossili in paesi richi è così grande da fare sembrare un nano la spesa verde

I dati dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) sui crediti all’esportazione sono al centro di un dibattito

Entro 2040 energie rinnovabili sorpasseranno carbone e gas

Carbone e gas potrebbero continuare ad avere ancora prezzi bassi ma questo non ostacolerà una trasformazione ‘green’ del sistema elettrico