Dalle sabbie bituminose all’eolico offshore: il salto di un gigante del petrolio

Dalle sabbie bituminose all’eolico offshore: il salto di un gigante del petrolio

La norvegese Statoil, compagnia che opera nel settore del petrolio e del gas, negli ultimi giorni del 2016 ha messo a segno due mosse sorprendenti: ha ritirato i suoi investimenti dai giacimenti di sabbie bituminose in Alberta e ha vinto la gara per costruire un parco eolico offshore al largo della costa dello Stato di New York. Non è certo l’etica o l’ambientalismo che ha mosso la Statoil a cambiare direzione, ma sono i dati economici: l’eolico è un investimento sicuramente più vantaggioso rispetto alle fonti fossili. Oggi la Statoil è ancora una delle società più importanti nello sviluppo di giacimenti di petrolio e gas nel Golfo del Messico e i suoi assets nel gas di scisto (shale gas) americano a oggi registrano non pochi problemi.

Un parco eolico offshore davanti a New York City

Il parco eolico offshore sarà realizzato al largo della costa di Long Island, davanti a New York City. Un progetto da oltre 42 milioni di dollari che prevede la realizzazione di 1 GW di eolico, con una fase di sviluppo iniziale di 400-600 MW. L’area, chiamata anche “New York Wind Energy Area” è situata tra i 30 e i 60 chilometri al largo della costa per un’estensione di 321 km2, dove le acque hanno una profondità di 20-40 metri.

Vincere il progetto non è stato facile per la Statoil che ha dovuto battere le offerte di altre 13 aziende concorrenti. Un’asta che ha raccolto un forte interesse del settore dell’energia, intenzionato a partecipare allo sviluppo delle rinnovabili sulla costa atlantica. Ora Statoil avrà un anno di tempo per presentare il progetto dell’impianto e tutti gli occhi puntati addosso considerata la specificità del sito. Il fatto di trovarsi nelle vicinanze di New York e di fornire elettricità pulita a una delle più grandi e conosciute città al mondo, fa del progetto una grande opportunità di visibilità per la compagnia norvegese oltre che, allo stesso tempo, un progetto rischioso nel caso qualcosa dovesse andare male.

L’eolico offshore decolla negli Stati Uniti

Statoil, grazie al suo progetto, diventa parte del programma statunitense per lo sviluppo di una serie di parchi eolici al largo della costa atlantica. Il 12 dicembre scorso ha iniziato a produrre energia elettrica il primo parco eolico offshore americano, il Rhode Island Block Island. Composto da cinque turbine da 30 megawatt, l’impianto sarà in grado di generare energia sufficiente a illuminare 17mila abitazioni.

Compreso il nuovo progetto al largo di New York, il Dipartimento americano degli interni ha finora dato in concessione 11 aree offshore dedicate all’eolico attraverso il suo Bureau of Ocean Energy Management. È evidente che di eolico offshore americano sentiremo ancora parlare.

Fonte: Lifegate

Data: Gennaio 2017

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
eolicorinnovabiliStati Uniti

Articoli correlati

USA Election 2016 | Come il prossimo Presidente potrebbe espandere le politiche sul clima di Obama o smantellarle

Questo mese, il Presidente Obama ha sostanzialmente assicurato che il cambiamento climatico sarà uno dei principali temi in gioco nelle elezioni

Canada e Gran Bretagna intendono abbandonare il carbone

Canada e Gran Bretagna hanno annunciato di voler eliminare dalla propria produzione elettrica il carbone. Un anno fa, il parlamento

Earth Hour 2015, il video dell’Ora della Terra

Torna sabato 28 marzo l’Ora della Terra, la più grande mobilitazione globale lanciata dal Wwf, nata come evento simbolico per fermare il cambiamento