Rende di più avere un portafoglio di azioni “fossil free” rispetto a un portafoglio convenzionale

Rende di più avere un portafoglio di azioni “fossil free” rispetto a un portafoglio convenzionale

L’Independent Petroleum Association of America ha recentemente commissionato e finanziato uno studio, poi ripreso dal quotidiano The New York Times e da altre testate, con cui si afferma che le Università avrebbero sofferto senza combustibili fossili nei loro portafogli d’investimento. Il Wall Street Journal ha pubblicato un editoriale definendo il disinvestimento dai combustibili fossili una “pazzia buonista”.

Ma guardiamo i fatti. L’indice globale FTSE ha sviluppato diversi indici senza la presenza di combustibili fossili e ne ha monitorato le prestazioni nel corso degli ultimi cinque anni. In questo periodo di tempo, l’indice FTSE’s North American fossil fuel free ha costantemente sovraperformato rispetto all’ indice di riferimento convenzionale.

 

Questa istantanea di cinque anni, non è necessariamente un indicatore della performance futura, ma sono cinque anni di dati reali che dimostrano che una strategia sui su combustibili fossili può avere un senso finanziario. L’indice senza combustibili fossili ha anche mostrato una minore volatilità rispetto al benchmark convenzionale, un altro fattore che tranquillizza gli investitori.

Source: Business Spectator

Date: February 2015

Read the article


Tags assigned to this article:
combustibili fossiliinvestimenti

Articoli correlati

La centrale a carbone Tirreno Power di Vado Ligure chiude i battenti

Sempre più nero il futuro del carbone. Il CdA di Tirreno Power ha annunciato la chiusura della centrale a carbone di

Usa: la storica Route 66 potrebbe diventare fotovoltaica

Sfruttare l’enorme superficie delle autostrade per produrre energia solare: è un’idea che da qualche anno, grazie ai progressi tecnologici nel

La bolla dello shale gas che mette in ginocchio il trasporto merci via mare

Cosa c’entra la bolla dello shale gas, il gas di scisto ottenuto da argille, con la crisi del settore del