Non guardare ora, ma i prezzi del petrolio stanno salendo

Non guardare ora, ma i prezzi del petrolio stanno salendo

I prezzi del greggio, che hanno raggiunto il loro picco nell’estate del 2014, stanno ora calando. La scorsa settimana i prezzi di riferimento del petrolio sono calati di circa il 15% e stanno continuando a farlo, con i futures del Brent alla borsa di Londra a 58 dollari al barile il 3 febbraio scorso.

Ora sembra che il prezzo del petrolio abbia finalmente raggiunto il fondo, dopo mesi in cui abbiamo assistito a una corsa degli analisti a tagliare le previsioni dei prezzi del petrolio e con gli stati produttori di petrolio preoccupati che gareggiavano a dipingere quadri sempre più terribili di crollo dei prezzi del greggio.

Il rialzo promette una qualche misura di sollievo per i paesi, come la Russia o il Venezuela, che negli ultimi mesi sono stati afflitti dal crollo dei prezzi del greggio; entrambi i paesi hanno visto impennare i tassi di inflazione così come il deficit di bilancio. Ma data la natura del rimbalzo dei prezzi è obbligo una parola di cautela sulle motivazioni del perché di tale situazione, e suggerisce che ci sarà una maggiore, non una minore, la volatilità del mercato nei mesi a venire.

Fonte: Foreign Policy FP

Data: Febbraio 2015

Leggi l’articolo in inglese


Articoli correlati

Il Governo ricorre contro l’Abruzzo per l’istituzione del parco anti-trivelle della Costa dei Trabocchi

Il Consiglio dei ministri numero 98 che si è riunito nel pomeriggio di mercoledì 23 dicembre a Palazzo Chigi, sotto

La vera notizia dal G7: l’era di carbone e petrolio finirà nel 2100

“Sono necessari tagli profondi alle emissioni di gas serra per una decarbonizzazione dell’economia globale durante questo secolo”. No, queste parole

Google punta all’eolico per alimentare i data center europei

Google ha deciso di abbattere l’impatto dei suoi data center europei acquistando energia eolica dai Paesi del Nord Europa. Un