Non guardare ora, ma i prezzi del petrolio stanno salendo

Non guardare ora, ma i prezzi del petrolio stanno salendo

I prezzi del greggio, che hanno raggiunto il loro picco nell’estate del 2014, stanno ora calando. La scorsa settimana i prezzi di riferimento del petrolio sono calati di circa il 15% e stanno continuando a farlo, con i futures del Brent alla borsa di Londra a 58 dollari al barile il 3 febbraio scorso.

Ora sembra che il prezzo del petrolio abbia finalmente raggiunto il fondo, dopo mesi in cui abbiamo assistito a una corsa degli analisti a tagliare le previsioni dei prezzi del petrolio e con gli stati produttori di petrolio preoccupati che gareggiavano a dipingere quadri sempre più terribili di crollo dei prezzi del greggio.

Il rialzo promette una qualche misura di sollievo per i paesi, come la Russia o il Venezuela, che negli ultimi mesi sono stati afflitti dal crollo dei prezzi del greggio; entrambi i paesi hanno visto impennare i tassi di inflazione così come il deficit di bilancio. Ma data la natura del rimbalzo dei prezzi è obbligo una parola di cautela sulle motivazioni del perché di tale situazione, e suggerisce che ci sarà una maggiore, non una minore, la volatilità del mercato nei mesi a venire.

Fonte: Foreign Policy FP

Data: Febbraio 2015

Leggi l’articolo in inglese


Articoli correlati

Il fallimento di Westinghouse, l’azienda simbolo del nucleare

La Westinghouse Electric Company ha contribuito a guidare lo sviluppo dell’energia nucleare in tutto il mondo; c’erano grandi progetti per

Rapporto WHO 2012: sette milioni i morti per l’inquinamento atmosferico

Secondo l’ultima valutazione della WHO (World Health Organization) presentata a Ginevra, ogni otto morti avvenute nel 2012 una era legata all’inquinamento atmosferico, da

Via libera dal governo alle trivelle davanti alle Tremiti

Via libera alle trivelle al largo di uno dei paradisi naturali italiani, le isole Tremiti, nel parco naturale del Gargano, al