Energia, Regno Unito a rischio black out. Gli errori che l’Italia deve evitare

Energia, Regno Unito a rischio black out. Gli errori che l’Italia deve evitare

La Gran Bretagna, pur essendo tra i primi paesi industrializzati a rialzare la testa dopo la crisi, rischia di vedere i propri sforzi vanificati da una crisi energetica senza precedenti. E l’Italia deve fare di tutto per non imitarla.

Il problema è serio: nel 2015 il margine di sicurezza del Regno Unito, cioè la capacità di produrre energia elettrica aggiuntiva, sarà intorno al 6%, nel 2016 al 2%. Il valore consigliato si aggira intorno al 20%. Il pericolo più grande però è lo spettro della dipendenza dalla Russia, che già fornisce più di un terzo del carbone al Regno Unito. Le soluzioni principali a cui guarda il governo britannico ora sono due: nucleare e shale gas. Che il rimedio sia migliore del male però, questo è tutto da vedere.

Fonte: L’Espresso

Data: Novembre 2014

Leggi l’articolo

 

 

 


Tags assigned to this article:
costienergiaGran Bretagnanucleareshale gas

Articoli correlati

Accordo sul nucleare iraniano, quali le conseguenze per il prezzo del barile?

La fine delle sanzioni internazionali nei confronti della repubblica islamica porterà ad un aumento delle esportazioni dal Paese che pesa

In arrivo il primo impianto eolico galleggiante in Francia

Dalla redazione di Canale Energia. È stato firmato lo scorso 1° giugno il contratto per la realizzazione del primo impianto

Carbon Budget Report, la crisi climatica raccontata attraverso i grafici

E’ uscita l’edizione 2014 del Carbon Budget Report, rapporto sulle emissioni climalteranti frutto del lavoro di 88 studiosi provenienti da 68 organizzazioni