Energie rinnovabili, superati per la prima volta i 10 milioni di lavoratori

Energie rinnovabili, superati per la prima volta i 10 milioni di lavoratori

Per la prima volta nella storia il settore delle energie rinnovabili ha superato la soglia simbolica dei 10 milioni di addetti, in tutto il mondo. Un risultato che è stato possibile raggiungere grazie ai 500mila nuovi posti di lavoro creati nel 2017, che hanno portato il totale a 10,3 milioni. A riferirlo è l’Agenzia internazionale per le energie rinnovabili (Irena), che in un rapporto intitolato “Renewable Energy and Jobs – Annual Review 2018” sottolinea come le fonti pulite rappresentino ormai più del 18 per cento del mix energetico mondiale.

Sei paesi del mondo raccolgono il 70 per cento della forza lavoro

La maggior parte dei lavoratori risulta impiegata in sei paesi del mondo: Cina, Brasile, Stati Uniti, India, Germania e Giappone. Da sole, tali nazioni, coprono infatti il 70 per cento della forza lavoro complessiva del settore. Ed è proprio sul territorio cinese che è concentrata la maggior parte degli addetti: ben 3,88 milioni di persone alla fine del 2017, in crescita del 12,1 per cento rispetto all’anno precedente. Una cifra che rappresenta il 38 per cento del totale mondiale. Ed è proprio sfruttando il forte contributo della Cina che l’Asia può risultare prima fra i continenti, concentrando sul proprio territorio circa il 60 per cento dei lavoratori.

In termini di tipologia di fonti, è il solare ad impiegare il maggior numero di persone, con circa 3,4 milioni di addetti, in crescita dell’8 per cento rispetto al 2016. La forza lavoro che si concentra nell’eolico è invece stata pari a 1,15 milioni. “Le energie rinnovabili – ha osservato Adnan Amin, direttore generale dell’Irena – sono diventate ormai un pilastro della crescita economica a basse emissioni per i governi di tutto il mondo. Le cifre relative all’incremento della forza lavoro impiegata lo confermano. E confermano anche le nostre previsioni, secondo le quali la decarbonizzazione del sistema energetico è in grado di far crescere l’economia mondiale e garantire la creazione di 28 milioni di posti di lavoro di qui al 2050”.

Fonte: Lifegate

Data: Maggio 2018

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
industrialavororinnovabili

Articoli correlati

Le rinnovabili avanzano ma il petrolio resiste: le previsioni di Iea al 2040

Il mondo dell’energia sta vivendo cambiamenti che lo stanno profondamente mutando. Quattro i fattori che caratterizzeranno la trasformazione nei prossimi

Unione energetica: la sfida Ue sulle rinnovabili

L’Europa vuole diventare un continente dove l’energia sia libera di attraversare i confini, aumentare l’efficienza e ridurre la dipendenza dall’estero,

Rende di più avere un portafoglio di azioni “fossil free” rispetto a un portafoglio convenzionale

L’Independent Petroleum Association of America ha recentemente commissionato e finanziato uno studio, poi ripreso dal quotidiano The New York Times