Sicurezza energetica e conflitti: una rassegna a livello paese dei problemi

Sicurezza energetica e conflitti: una rassegna a livello paese dei problemi

Lo studio prende in esame tre principali fonti di energia (petrolio e gas, biomassa tradizionale e idroelettrico) e sviluppa un’analisi sui problemi di conflitto reale o potenziale relativi alla fornitura di energia, l’accesso, la distribuzione e l’affidabilità per otto paesi con contesti nazionali e livelli di sviluppo molto diversi: Iraq, Repubblica Dominicana, Ucraina, Ciad, Repubblica Democratica del Congo, Somalia, Sudan e Cambogia.

Il documento è stato commissionato dall’Ufficio di gestione dei conflitti e mitigazione per avviare una serie di considerazione sull’importante questione della prevenzione dei conflitti e costruzione della pace. Non si tratta di documenti ufficiali e il punto di vista degli autori espresso nella pubblicazione non riflette necessariamente l’opinione della Agenzia degli Stati Uniti per lo Sviluppo Internazionale o il Governo degli Stati Uniti.

Fonte: USAID

Data: Agosto 2010

Leggi il documento in inglese


Tags assigned to this article:
energiaguerrepetrolio

Articoli correlati

Dieci milioni di dollari di sussidi ai combustibili fossili ogni minuto

Secondo le ultime stime del Fondo Monetario Internazionale (FMI) le compagnie che operano nel settore dei combustibili fossili stanno beneficiando

Le politiche climatiche “green” americane hanno arricchito l’economia di 2,2 miliardi di dollari

Continuare la rivoluzione “verde” e completare il passaggio a fonti di energia rinnovabile potrebbe essere un buon affare per gli

100% rinnovabili entro il 2050: una possibilità ora molto vicina

Il ‘sogno’ di avere una società alimentata con il 100% di rinnovabili non è riservato agli stati piccoli o tecnologicamente