Nel Regno Unito, entro il 2020, solare ed eolico costeranno quanto il gas

Nel Regno Unito, entro il 2020, solare ed eolico costeranno quanto il gas

Entro il 2020, nel Regno Unito le fonti di energia a basse emissioni di anidride carbonica saranno più convenienti rispetto al gas, a condizione che quest’ultimo paghi correttamente per la sua quota di emissioni. È questo quanto riportato dal Committee on Climate Change.

La raccolta di informazioni che minano la proposta dei Conservatori per eliminare le sovvenzioni a supporto del solare è diventata più convincente oggi, con evidenze che emergono dalla stessa Committee on Climate Change del governo che suggerisce che l’energia solare ed eolica raggiungerà i livelli di convenienza del gas già nel 2020.

L’amministratore delegato del Committee, Matthew Bell, ha detto che l’aspettativa che i grandi parchi solari ed eolici onshore raggiungano una parità di costo con il gas si basa sul fatto che il gas continui a fare onestamente la sua parte pagando i costi delle emissioni e che gli investitori continuino ad impegnare i loro soldi nei settori a basso tenore di carbonio, accompagnati da un governo che dia i segnali politici giusti al fine di convincerli a farlo.

Quei segnali politici hanno esitato in modo allarmante negli ultimi mesi, con l’ulteriore prova relativa all’affare della nuova centrale nucleare Hinkley Point C in cui l’attuale governo ha dimostrato di avere poco amore per le energie rinnovabili, anche ammettendo nel suo testo ufficiale che sosterrà le sovvenzioni per l’energia nucleare.

“Il governo conferma che non sta continuando con la ‘politica del no alle sovvenzioni pubbliche’ della precedente amministrazione”, si legge nella nota in calce sul nucleare. Non ci sono di questi scrupoli sull’energia pulita, però, con il ministro dell’energia Andrea Leadsom che recentemente ha affermato: “È fondamentale che, nel tempo, le imprese riescano a camminare con le proprie gambe. Non credo che qualcuno possa sostenere un settore che sopravvive unicamente grazie ai soli sussidi pagati da uno che ne compensa i conti”.

 

Fonte: Pv-Magazine

Data: Ottobre 2015

Leggi l’articolo in inglese


Tags assigned to this article:
costieolicogasGran Bretagnanuclearesolare

Articoli correlati

Energia, Regno Unito a rischio black out. Gli errori che l’Italia deve evitare

La Gran Bretagna, pur essendo tra i primi paesi industrializzati a rialzare la testa dopo la crisi, rischia di vedere

Il vero costo dell’energia: il motivo per cui le rinnovabili sono l’alternativa migliore

Le emissioni di gas serra connesse all’energia sono stabili per il secondo anno consecutivo: un fatto straordinario considerando che, nello

Il finanziamento per esportazione di fonti fossili in paesi richi è così grande da fare sembrare un nano la spesa verde

I dati dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) sui crediti all’esportazione sono al centro di un dibattito