Entro vent’anni l’energia potrebbe essere al 100% rinnovabile. E su questo sono d’accordo anche i petrolieri

Entro vent’anni l’energia potrebbe essere al 100% rinnovabile. E su questo sono d’accordo anche i petrolieri

Venti anni e l’elettricità prodotta nel mondo potrebbe derivare unicamente da fonti rinnovabili. Se così fosse si potrebbe avere il dimezzamento delle emissioni globali di carbonio rendendo concreta la possibilità di limitare il riscaldamento globale al di sotto dei 2°C. È questa la sfida lanciata dal nuovo rapporto Better energy, greater prosperity redatto dall’Energy Transitions Commission (Etc), un’organizzazione nata nel 2015 per promuovere gli accordi sul clima di cui fanno parte banchieri, professori universitari e rappresentanti di istituzioni internazionali sia di carattere ambientalista sia dell’industria petrolifera e mineraria, tra cui dirigenti della Royal Dutch Shell, di Bhp Billiton e di General Electric Oil & Gas.

Rinnovabili per un futuro a emissioni zero

Lo studio, presentato lo scorso 25 aprile, guarda con ottimismo alla possibilità di ridurre del 30 per cento le emissioni di carbonio entro il 2040. “La nostra sfida è costruire un sistema energetico che possa ampliare l’accesso a servizi energetici moderni, sostenibili e affidabili a prezzi accessibili permettendo all’economia globale di prosperare” si legge nel rapporto. Ed è su questo che l’Etc invita i governi, gli investitori e le imprese a cogliere l’opportunità agendo ora per accelerare la diffusione dell’energia pulita e la decarbonizzazione.


La convenienza economica delle rinnovabili

L’ottimismo dell’Energy Transitions Commission si basa sui progressi delle tecnologie pulite: solare, eolico e le altre rinnovabili sono oggi tecnicamente affidabili, economicamente convenienti e in grado di sostenere lo sviluppo economico, soprattutto nei paesi emergenti. I costi di solare ed eolico stanno scendendo a tal punto che l’Etc prevede che entro il 2035 in molti paesi sarà possibile avere un sistema energetico quasi al 100 per cento con rinnovabili a un costo tutto compreso (produzione, trasporto e stoccaggio) inferiore a 70 dollari per megawattora. Un prezzo che farebbe crollare la domanda di carbone, petrolio e gas e avere effetti negativi sull’industria energetica tradizionale.

Rompere il legame tra crescita economica e crescita dei gas serra

Etc sostiene la necessità di rompere definitivamente il legame tra crescita economica e sociale e crescita delle emissioni di CO2 legate all’energia, muovendo verso un’economia a zero emissioni. Oggi, il sistema economico mondiale è basato quasi esclusivamente sui combustibili fossili che forniscono ancora l’80 per cento del consumo totale di energia e sono responsabili del 75 per cento del gas serra presente sul nostro Pianeta. Se questo sistema dovesse rimanere immutato, entro la fine del secolo il mondo potrebbe essere di ben 4°C più caldo rispetto ai livelli preindustriali.

Fonte: Lifegate

Data: Maggio 2017

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
datiemissionifuturorinnovabili

Articoli correlati

Auto elettrica e smart grid: ecco come in Germania procede l’integrazione

È un’idea ormai consolidata che i veicoli elettrici saranno un elemento fondamentale della rete elettrica intelligente. Le batterie delle auto

Dal Mit di Boston il polimero che immagazzina energia e rilascia calore

Dalla redazione di Canale Energia Un polimero resistente, facile da produrre e poco costoso che consenta di immagazzinare energia nei

Clima, accordo a Lima: la conferenza Onu approva il documento

Al termine di una complessa trattativa, e in piena notte, la conferenza Onu di Lima sui cambiamenti climatici ha dato