Erg abbandona il petrolio e punta alle rinnovabili

Erg abbandona il petrolio e punta alle rinnovabili

Alla soglia dei suoi ottant’anni di storia industriale Erg, fa un ulteriore e definitivo passo verso le fonti rinnovabili, lasciandosi alle spalle la sua storia di gruppo petrolifero.

Erg e Total Marketing Services, hanno siglato un accordo con il Gruppo Api per la cessione del 100% TotalErg, società attiva nella distribuzione di prodotti petroliferi e nella raffinazione. L’operazione comprende circa 2.600 stazioni di servizio della rete, il polo logistico di Roma e il 25,16% della raffineria di Trecate.

L’addio al petrolio

Edoardo Garrone, presidente di Erg ce lo aveva detto durante una nostra intervista con lui: la strada è tracciata non si può tornare indietro. E oggi lo ha fatto. Non si tratta di rinnegare la storia passata di una famiglia industriale che ha iniziato il suo percorso nella raffinazione, ma di cambiare strategia per rispondere a un mutato contesto energetico, ambientale e industriale, che oggi deve per forza essere a basse emissioni di carbonio. Con questa ottica Erg ha venduto TotalErg la cui chiusura dell’operazione è prevista per il 31 gennaio 2018, proprio l’anno in cui la società compirà 80 anni. Dalla cessione Erg incasserà 273 milioni di euro che investirà sulle fonti rinnovabili.

“Questa cessione, coerente con la nostra strategia e il nostro ruolo di produttori di energia verde ci permette di rafforzare ulteriormente la capacità finanziaria al fine di proseguire il nostro percorso di crescita nelle rinnovabili”, ha commentato Luca Bettonte, amministratore delegato di Erg.

Fonte: Lifegate

Data: Novembre 2017

Leggi l’articolo



Articoli correlati

La Commissione Ue rilancia sulle rinnovabili

L’Ue punta ad aumentare la quota di energie rinnovabili e lancia una consultazione sul tema. Nel 2016 la Commissione europea presenterà una nuova proposta

Renzi inaugura in Cile un impianto fotovoltaico di Enel Green Power

Il premier italiano Matteo Renzi ha inaugurato in Cile, insieme all’amministratore delegato di Enel, Francesco Starace, il primo polo rinnovabile

Vestas, l’eolico ha il vento in poppa

Il 2016 è stato un anno particolarmente favorevole per lo sviluppo dell’eolico a livello globale, lo testimoniano i numerosi progetti