La battaglia dei led l’Europa rinvia al 2018 le lampade ad alto consumo

La battaglia dei led l’Europa rinvia al 2018 le lampade ad alto consumo

Slitta di due anni la messa al bando delle lampadine ad alto consumo. Il pressing dei produttori. Il passaggio avrebbe portato risparmi per 780 milioni alle famiglie italiane

Gli ambientalisti gridano allo spreco energetico. I produttori di lampadine e di impianti luminosi, insieme a molti tecnici parlano di transizione necessaria. In mezzo ci sono le famiglie, che avranno più tempo per adeguare l’illuminazione di casa. La battaglia alogene contro Led che è stata combattuta a Bruxelles si è conclusa con la decisione di posticipare al 2018, anziché dal settembre 2016, la messa al bando in Europa delle lampadine di classe C e inferiori, cioè le meno efficienti. Secondo le stime dell’European environmental bureau, che riunisce 140 organizzazioni tra cui Legambiente, il bando delle alogene dal 2016 avrebbe garantito ai cittadini risparmi per 6,6 miliardi di euro in bolletta, 780 milioni di euro per l’Italia. Ma allo stesso tempo, fa notare Lighting Europe, l’associazione che riunisce le maggiori industrie del settore dell’illuminazione, lo stop avrebbe avuto un costo di circa 10 miliardi per i cittadini europei che di fatto si sarebbero trovati in casa oltre 200 milioni di impianti diventati inutilizzabili per incompatibilità con i soli Led.

Italia e Germania contro Svezia e Danimarca

Italia, Germania e Francia hanno argomentato il posticipo al 2018 con motivazioni tecniche: i Led, hanno detto, non sono ancora in grado di coprire le esigenze del mercato. Alcuni Paesi come Polonia e Austria erano più orientati al 2020. Il fronte «verde» per il 2016, guidato da Svezia e Danimarca, sostiene che i Led di qualità sono pronti a rimpiazzare le alogene. Ed è su questo punto che si apre uno scenario articolato, perché il cuore del problema è proprio la tecnologia a disposizione delle famiglie. Sul fronte dell’illuminazione pubblica, invece, non ci sono dubbi: i Led sono già usati nella maggior parte dei progetti. «Le lampade Led in commercio non sempre sono equivalenti alle alogene. Molte lo dichiarano sull’etichetta ma in realtà la qualità della luce è inferiore. E lo scopriamo solo dopo l’acquisto». È uno dei problemi pratici evidenziati da Milena Presutto e Simonetta Fumagalli, ricercatrici dell’Enea che hanno contribuito alle valutazioni tecniche per la direttiva sull’Ecodesign, all’interno della quale è contenuta la decisione sulle lampadine. Presutti e Fumagalli sottolineano la «bontà tecnologica» dei Led ma spiegano che «non è possibile sostituire semplicemente la vecchia alogena con una lampada Led perché sono diversi la qualità della luce (unidirezionale), il peso e spesso gli attacchi. Se si ha poi un impianto con variatore di flusso non è detto che con i Led continui a funzionare. In più per buoni Led si deve ancora spendere molto». Sulla necessità di un periodo di transizione per consentire alle imprese di adeguarsi ha insistito anche Assil, l’associazione nazionale produttori di illuminazione federata a Confindustria Anie, che raggruppa circa 80 aziende produttrici di apparecchi di illuminazione e componenti elettrici (fatturato globale di circa 2 miliardi di euro, oltre il 50% di quello complessivo del settore, e circa 10 mila addetti). Il design italiano vanta aziende leader nel settore dell’illuminazione e Assil ha in più di un’occasione sottolineato la necessità di permettere alle imprese di adeguarsi alla nuova normativa.

Fonte: Corriere.it

Data: Aprile 2015

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
ambienteCommissione Europea

Articoli correlati

Rinnovabili, 7,7 milioni di posto di lavoro nel mondo

Secondo un rapporto pubblicato recentemente dall’International Renewable Energy Agency (IRENA), sono 7,7 milioni le persone impiegate in tutto il mondo

Guida autonoma: una auto su 7 entro il 2030

Dalla redazione di Canale Energia. Entro il 2030 1 auto su 7 sarà a guida autonoma. Ad affermarlo l’analisi “Strategic

Google aprirà in Alabama, nel sito di una vecchia centrale a carbone, un nuovo centro dati alimentato a rinnovabili

Il gigante della ricerca on line ha annunciato di essere in procinto di aprire il quattordicesimo data center. Per questa nuova