Dieci milioni di dollari di sussidi ai combustibili fossili ogni minuto

Dieci milioni di dollari di sussidi ai combustibili fossili ogni minuto

Secondo le ultime stime del Fondo Monetario Internazionale (FMI) le compagnie che operano nel settore dei combustibili fossili stanno beneficiando di sovvenzioni al livello globale pari a 5,3 trilioni di dollari all’anno, equivalente a 10 milioni di dollari al minuto, ogni giorno.

Il FMI definisce le stime “scioccanti” e fa sapere che la cifra del vero costo dei combustibili fossili è una stima “estremamente affidabile”. Il contributo di 5.300 miliardi di dollari stimato per il 2015 è superiore alla spesa sanitaria totale di tutti i governi del mondo.

La vasta somma è in gran parte dovuta agli inquinatori che non pagano i costi imposti dai governi per la combustione di carbone, petrolio e gas. Questi includono i danni causati alle popolazioni locali per inquinamento atmosferico, nonché alle persone di tutto il mondo colpite da inondazioni, siccità e tempeste legate ai cambiamenti climatici.

Il FMI, una delle istituzioni finanziarie più rispettate al mondo, ha detto che la fine dei sussidi ai combustibili fossili consentirebbe di tagliare del 20% le emissioni globali di carbonio. Sarebbe un passo da gigante nella direzione di contenimento del riscaldamento globale, un argomento su cui il mondo ha fatto pochi progressi fino ad oggi.

La fine dei sussidi alle fonti fossili potrebbe anche ridurre del 50% il numero di morti premature dovute all’inquinamento atmosferico, circa 1,6 milioni di vite ogni anno.

Schermata 2015-05-18 alle 22.40.43 Schermata 2015-05-18 alle 22.38.52

Fonte: The Guardian

Data: Maggio 2015

Leggi l’articolo 

Scarica il report


Tags assegnati all'articolo:
combustibili fossilisussidi

Articoli Correlati

L’industria eolica mondiale è cresciuta del 44% nel 2014

L’industria dell’eolico nel mondo torna a correre nel 2014, con una crescita del 44% su base annuale. Dopo il calo

Rio Tinto licenzia il capo del settore energia. Lavori in corso per l’uscita dal carbone?

In un momento in cui i prezzi delle commodity sono crollati, Rio Tinto, nel suo ultimo tentativo di tagliare i

Referendum: trivelle sì o no, quando e perché

Domenica 17 aprile gli italiani sono chiamati a votare un referendum che, per la prima volta, non è stato richiesto