G7 agricoltura, “500 milioni di persone fuori dalla fame entro il 2030″

G7 agricoltura, “500 milioni di persone fuori dalla fame entro il 2030″

500 milioni di persone fuori dalla fame entro il 2030 attraverso impegni concreti dei 7 Paesi. È questo l’obiettivo che esce dal G7 agricoltura che si è tenuto il 13, 14 e 15 ottobre a Bergamo.

“La fame è una questione prima di tutto agricola – ha detto il ministro delle Politiche Agricole, Maurizio Martina come Presidente G7 agricoltura -. Per questo abbiamo deciso di aumentare gli sforzi per favorire la produttività sostenibile in particolare in Africa, attraverso la condivisione di buone pratiche per aumentare la resilienza e accompagnare lo sviluppo delle comunità locali”. Il ruolo della cooperazione agricola sarà decisivo per raggiungere il traguardo, poiché la maggioranza delle persone che soffrono la fame vive in aree rurali.

Durante la riunione è stato affrontato anche il tema della difesa dei redditi degli agricoltori davanti alle crisi dovute ai cambiamenti climatici e a quelle economiche, affidando il mandato alla Fao per studiare azioni sul tema.

La Dichiarazione di Bergamo

Durante la due giorni dedicata all’agricoltura è stata varata la Dichiarazione di Bergamo, che focalizza l’attenzione sulla tutela del reddito dei produttori, la cooperazione agricola con l’Africa, la trasparenza dei prezzi, lo spreco alimentare e la tracciabilità.

Il documento è stato Firmato da Italia, Stati Uniti, Canada, Francia, Regno Unito, Giappone, Germania, dall’Unione europea e sostenuto dalle istituzioni non governative che operano nel contesto agricolo e alimentare, come la Fao, Ifad, l’Unione africana, l’Ocse, il World food program e Slow food.

Le 5 priorità del G7 Agricoltura

Tra le mura veneziane di Bergamo, i ministri del G7 agricoltura hanno individuato 5 priorità:

  1. Difendere i redditi dei produttori agricoli, soprattutto piccoli, dai disastri climatici, con mandato alla Fao per studiare azioni e individuare una definizione comune di eventi catastrofici che oggi manca.
  2. Aumentare la cooperazione agricola, nel continente africano, dove il 20% della popolazione soffre di povertà alimentare.
  3. Impegnarsi a rafforzare la trasparenza nella formazione dei prezzi e nella difesa del ruolo degli agricoltori nelle filiere soprattutto di fronte alle crisi di mercato e alla volatilità dei prezzi.
  4. Battere con nuove politiche gli sprechi alimentari, che oggi coinvolgono un terzo della produzione alimentare mondiale.
  5. Adottare politiche concrete per la tracciabilità e lo sviluppo di sistemi produttivi legati al territorio.

Fonte: Lifegate

Data: Novembre 2017

Leggi l’articolo



Articoli correlati

L’ex-arcivescovo di Canterbury invita a non investire in combustibili fossili

Dalla redazione di Canale Energia. Un invito all’università di Cambridge a non investire nei combustibili fossili. È quanto è contenuto

#Paris2015: taglio emissioni del 60% entro il 2050? Trapela documento Ue

L’Ue spinge il piede sull’acceleratore nella lotta ai cambiamenti climatici. In vista della Conferenza sul Clima che si terrà a Parigi

Carbone: in Cina crollano produzione, consumo e importazioni

Secondo l’Institute for Energy Economics and Financial Analysis (Ieefa), in Cina il calo della produzione di carbone sta mostrando un’accelerazione: