Gas serra, a livelli minimi dal 1990

Gas serra, a livelli minimi dal 1990

Dalla redazione di Canale Energia.

Le emissioni legate ai gas serra registrano nel 2014 un continuo calo con una riduzione che  arriva fino al 24,4% al di sotto dei livelli del 1990. A fornire i dati il report dell’Agenzia Europea dell’Ambiente (EEA) che è stato presentato alle Nazioni Unite. Dai dati emerge come le emissioni di gas serra siano diminuite di 1383 milioni di tonnellate (Mt) dal 1990, arrivando a raggiungere 4282 Mt di CO2 equivalenti nel 2014.

È positivo che l’Europa sia stata capace di ridurre le emissioni di gas serra a partire dal 1990. Si tratta di un passo importante verso il raggiungimento dei nostri obiettivi  sul clima per il 2030 e il 2050. Per accelerare la transizione verso una società a basse emissioni di carbonio, abbiamo bisogno di migliorare ulteriormente i nostri investimenti in tecnologia e innovazione in modo da ridurre la nostra dipendenza dai combustibili fossili”, ha commentato in una nota Hans Bruyninckx, direttore esecutivo dell’Agenzia Europea per l’Ambiente.

Tra i fattori che hanno portato a questo risultato nel corso di circa 24 anni, il ruolo sempre più centrale delle rinnovabili, il miglioramento dell’efficienza energetica, la minor domanda di energia per riscaldare le famiglie.

Dal report è emerso, inoltre, come la riduzione del 24,4% dei gas serra sia stata accompagnata anche da un aumento del 47% del prodotto interno lordo. A ciò si aggiunge il fatto che questo fenomeno è stato registrato nella maggioranza dei settori con risultati particolarmente positivi per il comparto manifatturiero e delle costruzioni  (-372 Mt) e della produzione di elettricità e riscaldamento (-346 Mt).

 

Fonte: Canale Energia

Data: Luglio 2016

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
ambienteariaemissioniinquinamento

Articoli correlati

Come la Croazia, anche la Francia non cercherà petrolio in Mediterraneo

Il ministro francese dell’Ambiente e dell’Energia, Ségolène Royal, ha deciso di applicare una moratoria «immediata» sui permessi di ricerca di

Le isole Scilly e un modello di stoccaggio e rinnovabili da 14 milioni di dollari

Un progetto di stoccaggio di energia e fonti rinnovabili sulle isole britanniche di Scilly punta a diventare un modello di

Mediterraneo più caldo e salato, gli effetti del riscaldamento globale

“Siedi qui e lasciati andar così, lascia che entri il sole dentro te e respira tutta l’aria che puoi”. Era