Gran Bretagna ha speso 300 volte più in combustibili fossili che in rinnovabili

Gran Bretagna ha speso 300 volte più in combustibili fossili che in rinnovabili

L’agenzia di governo britannica per l’export ha finanziato progetti all’estero in energie fossili per 1,13 miliardi di sterline (1,73 miliardi di euro), rispetto a soli 3,6 milioni di sterline (5,5 milioni di euro) in progetti rinnovabili.

Il governo britannico ha così rotto un impegno che si era preso per sostenere all’estero l’energia verde rispetto all’energia prodotta da fonti fossili, spendendo – tramite l’agenzia governativa di credito all’export – più di trecento volte (314 volte per l’esattezza) in progetti a sostegno dei combustibili fossili rispetto a progetti di energia pulita. E’ quanto riporta il quotidiano britannico The Guardian in base a dati pubblici.

Il sostegno è stato dato sotto forma di prestiti, garanzie sui prestiti e altre forme di sostegno del credito all’esportazione.

Fonte: The Guardian

Data: Febbraio 2015

Leggi l’articolo

 



Articoli correlati

Fotovoltaico fonte più economica di energia in UE a partire dal 2030

Ormai è certo, con 100 GW di capacità fotovoltaica cumulata l’Europa è sempre più fotovoltaica, nonostante il calo di nuove

L’impatto dei sussidi ai combustibili fossili sulla generazione elettrica da rinnovabili

Le sovvenzioni ai combustibili fossili sono prevalenti in molti paesi. L’Agenzia internazionale dell’energia (AIE) ha stimato che i sussidi ai

Eolico: costa meno di carbone e nucleare secondo uno studio UE

L’eolico onshore è la forma di energia più economica. A rivelarlo è stata una recente analisi commissionata dalla Commissione Europea a Ecofys, azienda