Come perdere 500 miliardi di euro

Come perdere 500 miliardi di euro

I produttori di energia elettrica in Europa devono affrontare una minaccia esistenziale.

Il 16 giugno 2014 è accaduto un avvenimento particolare nel mercato tedesco dell’energia elettrica. Il prezzo all’ingrosso dell’elettricità è sceso sotto i 100 € per megawattora (MWh). Questo significa che le società di generazione elettrica sono state costrette a pagare i gestori della rete affinché prendessero la loro elettricità.

Era un luminosa e ventosa domenica. La domanda elettrica era bassa. Tra le 14:00 e le 15:00, generatori solari ed eolici hanno prodotto 28,9 gigawatt (GW) di energia, più della metà del totale. La rete in quel momento non poteva far fronte a oltre 45GW senza diventare instabile. Il picco di produzione si è avuto con 51GW; a questo punto i prezzi sono andati in negativo per incoraggiare i tagli di produzione e proteggere la rete da sovraccarichi. Come noto le centrali che utilizzano combustibili nucleari o lignite sono progettati per funzionare a pieno ritmo e non possono facilmente ridurre la produzione, mentre gli impianti a fonti rinnovabili utilizzano risorse che sono gratuite (sole e vento). Così l’onere dell’aggiustamento è caduto sugli impianti alimentati a gas e ad antracite, la cui produzione è crollata al 10 % della capacità.

Fonte: The Economist

Data: Febbraio 2015

Leggi l’articolo in inglese

 


Tags assigned to this article:
costielettricitàGermania

Articoli correlati

10 aziende intraprendono un’azione legale contro i sussidi da 100 miliardi di euro di Hinkley Point

Un’alleanza, a cui partecipa anche Greenpeace, sta facendo appello contro la decisione della Commissione europea di approvare i sussidi per la

La fuoriuscita di petrolio che distrugge un’isola indonesiana

Una fuoriuscita di petrolio nel Borneo, iniziata a fine marzo, si è ora diffusa tanto da occupare un’area più grande

Plastica e microplastiche: la minaccia dei nostri oceani

Ogni anno si stima che otto milioni di tonnellate, per un valore di 19,5 miliardi di euro, di plastica fluttuano