I climatologi negano l’esistenza di Donald Trump

I climatologi negano l’esistenza di Donald Trump

Il mondo scientifico nega l’esistenza di Donald Trump. Cinquecento tra climatologi, geologi e scienziati vari si sono riuniti la settimana scorsa a Parigi per discutere sull’esistenza del “presunto 45° presidente degli Stati Uniti”. La notizia chiaramente a sfondo satirico è apparsa sul blog olandese Het beleg van Antwerpen.

La convention dei climatologi

Dal blog si legge che molti specialisti di rilievo rimangono scettici sulla reale esistenza di Trump, sebbene il fenomeno politico abbia avuto particolare risalto sulla stampa e i media in generale negli ultimi anni e, secondo diverse fonti, sia stato “osservato” anche in Europa.

Non c’è niente di nuovo sui negazionisti di Trump”, ha detto Albert de Gier, responsabile del dipartimento di Meteorologia dell’Università di Amsterdam. “Ma è terribilmente frustrante vedere come i negazionisti rimangano ostinati davanti alle prove più concrete. Se si osservano i fatti, si può concludere che […] l’impatto dell’uomo sia diventato innegabile e sempre più irreversibile. Diviene quindi di fondamentale importanza che la comunità scientifica faccia luce su questi risultati per garantire la sopravvivenza del nostro pianeta”.

Migliaia di esperti del clima di tutto il mondo – si legge sempre nel post – sono prudenti, se non evidentemente recalcitranti, sulla verificabilità dell’esistenza del personaggio americano, mentre le campagne di sensibilizzazione, sempre più pressanti, sono state disinvoltamente etichettate e accantonate come ‘propaganda politica’ o classificate come ‘allarmistiche’.

C’è scetticismo tra gli scienziati sull’esistenza di Trump

Jack Schitt (che in inglese potrebbe essere male interpretato), la cui carica fittizia è di fenomenologo britannico, ha guidato per anni la campagna “Verità su Tump” ed è stato uno dei principali relatori alla conferenza di Parigi. “Il modo in cui i mezzi di informazione e i cosiddetti ‘esperti’ hanno cercato di fare il lavaggio del cervello alle masse con la paura di Donald Trump è semplicemente ridicolo”, ha detto Schitt.

Fonte: Lifegate

Data: Luglio 2017

Leggi l’articolo



Articoli Correlati

In arrivo il primo impianto eolico galleggiante in Francia

Dalla redazione di Canale Energia. È stato firmato lo scorso 1° giugno il contratto per la realizzazione del primo impianto

Ikea scommette 1 miliardo sulle rinnovabili, più di quanto fanno molti Stati

Ikea prova a ridurre l’impatto sull’ambiente investendo pesantemente nell’energia verde e nella lotta al cambiamento climatico. La società svedese, leader

Efficienza, Fer, smart city e smart grid: per la crescita ci vuole integrazione

Dalla redazione di Canale Energia, articolo scritto da Monica Giambersio. Il ruolo sempre più rilevante che investimenti in energie rinnovabili,