Il biogas, una risposta alla deforestazione in Ruanda

Il biogas, una risposta alla deforestazione in Ruanda

In Ruanda, il governo ha promosso un’iniziativa per abbandonare l’utilizzo di carbone e legna per cucinare sostituendoli con biogas derivato dalla trasformazione dei rifiuti organici e gas di petrolio liquefatto (Gpl). Un modo per limitare la deforestazione che sta diventando un problema concreto sia per i problemi che crea all’agricoltura sia per i dissesti idrogeologici che provoca.

In Ruanda il biogas parte dalle scuole

Il governo del Ruanda ha promosso sistemi alimentati a biogas a partire dalle scuole del Paese. Ha partecipato all’ideazione del progetto ma ha anche provveduto a costruire le strutture necessarie alla sua realizzazione, lasciando agli istituti esclusivamente le attività di manutenzione secondaria degli impianti. L’idea alla base è quella di utilizzare i rifiuti organici per produrre biogas realizzando fosse biologiche in cemento interrate dove vengono raccolti gli stessi rifiuti che, sotto l’azione dei batteri, vengono convertiti in fertilizzante. Il processo dà origine a metano, un biogas inodore che viene trasportato con un sistema di tubi alle cucine.

Un vantaggio economico oltre che sociale e ambientale

Il progetto ha già portato concreti benefici alle scuole. L’Istituto Kanombe Efotec, ad esempio, per cucinare i pasti agli oltre mille studenti, è passato dall’utilizzare circa 330 chili di legna da ardere al giorno a un terzo in meno e, allo stesso tempo, ha ridotto anche la quota di carburante impiegata. Ma non tutte sono riuscite ad attuare il programma ideato dal governo. I sistemi di biogas pongono una serie di sfide, tra cui quella di avere abbastanza rifiuti organici per produrre metano e avere accesso all’acqua per spingere i rifiuti nelle fosse di raccolta. Nonostante questo, oggi in Ruanda sono più di 80 gli istituti scolastici oltre a tutte le prigioni del Paese che utilizzano il biogas per cucinare.

Fonte: Lifegate

Data: Novembre 2018

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
Africapolitiche energeticherinnovabili

Articoli correlati

Le rinnovabili britanniche superano per la prima volta i combustibili fossili

Nel Regno Unito le rinnovabili hanno triplicato la loro capacità superando i combustibili fossili. È questo il risultato di una

Quando il mondo passerà alle rinnovabili, finiranno le guerre per l’energia

Sia per l’Italia che per l’Europa, oggi, uno dei temi più drammatici è quello dei veri e propri “viaggi della

La Commissione Europea propone un “new deal” per i consumatori del mercato dell’energia

Il pacchetto proposto è un passo importante verso l’attuazione della strategia per l’unione energetica europea e si accompagna ad una