Il nucleare Usa a caccia di risorse pubbliche per sopravvivere

Il nucleare Usa a caccia di risorse pubbliche per sopravvivere

Il nucleare è sempre più in crisi. Negli Stati Uniti sono attualmente in funzione 99 reattori nucleari distribuiti in 30 Stati. L’energia nucleare contribuisce al 60 per cento dell’energia carbon-free americana ma è sempre più fuori mercato. Nelle ultime settimane, un altro annuncio dimostra le difficoltà del settore. Il proprietario dell’impianto “Three Mile Island”, la Exelon Corporation, ha rivelato l’intenzione di chiudere i battenti entro il 2019 a meno che lo Stato della Pennsylvania – dove ha sede la centrale – non decida di metterci i soldi per finanziare il salvataggio.

Chiude la centrale protagonista del più grave incidente nucleare americano

Più di cinque anni di perdite hanno spinto la società energetica con sede a Chicago ad annunciare la chiusura del Three Mile Island, centrale nota alle cronache per l’incidente nucleare del 28 marzo 1979, il più grave avvenuto negli Usa. Alla decisione di chiudere l’impianto ha contribuito anche il fatto di non essere stato selezionato come fornitore garantito di energia alla rete regionale. Questo avrebbe permesso alla società di ricevere il tipo di trattamento e di pagamenti preferenziali che sono applicati in Pennsylvania alle rinnovabili, come l’eolico e il solare. Caduta questa possibilità, ad Exelon non rimane che ricorrere a un salvataggio con soldi pubblici su cui però il Governatore della Pennsylvania Tom Wolf non ha preso alcun impegno nonostante si sia detto preoccupato per i licenziamenti: l’impianto occupa 675 persone e la maggior parte, in caso di chiusura, rimarranno senza lavoro.

La caccia alle risorse pubbliche per mantenere il nucleare

In alcuni Stati americani, ad esempio in Ohio o in Illinois, la caccia alle risorse pubbliche da parte delle società che gestiscono impianti nucleari ha dato buoni frutti. Exelon, il più grande proprietario nucleare della nazione, ha recentemente ottenuto quasi 2,5 miliardi di dollari dal legislatore dell’Illinois per mantenere in attività tre reattori nucleari nonostante non siano più competitivi nel mercato dell’energia. In Ohio, FirstEnergy sta chiedendo al legislatore di investire 300 milioni all’anno per far continuare l’attività attualmente in perdita dei rettori di Perry e Davis Besse, afflitti anche da gravi problemi strutturali. Un piano di salvataggio che dovrà fare i conti con l’annuncio di FirstEnergy che, sull’orlo del fallimento, ha già detto che venderà i reattori in ogni caso. A peggiorare le cose, i legislatori dell’Ohio hanno bloccato circa 1,6 miliardi di investimenti destinati a costruire otto parchi eolici che ora sono stati messi in attesa non pensando che lo sviluppo di questi parchi potrebbe fornire nuovi posti di lavoro proprio a coloro che inevitabilmente li perderanno con la chiusura delle centrali nucleari di FirstEnergy.

I nuovi posti di lavoro possono arrivare solo dalle rinnovabili

In tutti gli Stati Uniti, le centrali nucleari sono in crisi e subiscono la competizione degli impianti che generano energia elettrica utilizzando il gas naturale, una risorsa abbondante e poco costosa. Negli ultimi anni, un altro concorrente sta diventando sempre più forte: le energie rinnovabili. Eolico, solare e le altre fonti pulite sono sempre più affidabili e a basso costo e creano nuovi posti di lavoro. Alla chiusura degli impianti nucleari, fanno da contro altare gli investimenti di società come Tesla, azienda che sta rivoluzionando il settore dell’energia americana. Dopo aver inaugurato a fine luglio 2016 appena fuori Sparks, in Nevada, una Gigafactory che produrrà batterie al litio per le auto di casa, Tesla sta investendo circa 700 milioni di dollari americani nella costruzione di una nuova Gigafactory nella costa est americana, a Buffalo, nello Stato di New York. Il nuovo impianto che produrrà tegole solari, creerà almeno 500 nuovi posti di lavoro, puliti, remunerativi e sicuri. Altri 1.440 posti sono attesi da spin-off che si prevede nasceranno intorno alle attività di supporto all’impianto.

Fonte: Lifegate

Data: Luglio 2017

Leggi l’articolo



Articoli Correlati

Oettinger e la sospetta ‘censura’ sui sussidi a fossili e nucleare

Secondo un documento riservato, rivelato dalla testata tedesca Sueddeutsche, il commissario europeo all’Energia Gunther Oettinger sarebbe intervenuto per far cancellare da un documento della Commissione l’entità

Il costo dell’energia nucleare: Francia dopo Fukushima

Il disastro di Fukushima ha portato il governo francese a rilasciare nuovi dati relativi al costo del suo programma di

Esternalità negative del petrolio: bisogna contare anche terrorismo e mafie?

Tra le varie esternalità negative delle fonti fossili, c’è un elemento molto sottovalutato ma con impatti particolarmente devastanti, perché riguarda