Il problema europeo con le auto diesel

Il problema europeo con le auto diesel

Nuovi test del governo britannico confermano che le auto diesel producono un inquinamento atmosferico maggiore nella guida reale rispetto ai test legali realizzati in laboratorio. Quelle vendute a partire dal 2009 hanno emesso, in media, ossidi di azoto sei volte più alti di quelli testati in laboratorio.

Rispetto alle norme più rigorose applicate alla automobili a benzina, un diesel venduto tra il 2009 e il 2015 ha emesso 19 volte di più di ossidi di azoto.

Nel 2014, più della metà delle nuove auto in Europa erano a diesel, quindi trovare il modo per risolvere i problemi di inquinamento atmosferico non sarà facile. Il progetto Airuse ha sottolineato il ruolo della tassazione nella scelta di acquisto di un’auto. Tutti i paesi europei, ad eccezione del Regno Unito, prevedono una tassazione fiscale inferiore per il gasolio rispetto alla benzina.

Non sorprende quindi che il diesel tenda a dominare le vendite di auto nei paesi in cui questo combustibile è più favorito dalla tassazione: succede così in Lussemburgo, in Belgio, in Portogallo, in Spagna, in Francia e in Grecia dove la fine di un divieto di circolazione delle vetture diesel ad Atene e Salonicco nel 2011 ha portato ad un boom nelle vendite. L’India recentemente ha rimosso le sovvenzioni sul diesel, ma per quanto riguarda l’Europa non vi è alcun segnale a porre termine agli incentivi fiscali.

Airuse ha anche evidenziato come la geografia del Mediterraneo influenzi l’inquinamento atmosferico: i trasporti, i terreni polverosi e secchi ed i densi centri città determinano ulteriori problemi a quelli portati dall’alta percentuale di vetture diesel.

Fonte: The Guardian

Data: Maggio 2016

Leggi l’articolo in inglese


Tags assigned to this article:
combustibili fossiliEuropatecnologiatrasporti

Articoli correlati

Da Ue via libera a incentivi sulle rinnovabili non fotovoltaiche con ritardo di 16 mesi. E intanto le aziende hanno chiuso

Finalmente la Commissione europea ha approvato il decreto sugli incentivi alle fonti rinnovabili diverse dal fotovoltaico. Ma è troppo tardi:

Una nuova strategia sulla climatizzazione targata UE

La Commissione Europea ha annunciato una Heating and Cooling Strategy (Climatizzazione) al fine di ridurre lo spreco di energia. Il riscaldamento

Le turbine eoliche più grandi al mondo iniziano a produrre energia

Nelle acque davanti a Liverpool, nel Regno Unito, le turbine eoliche più grandi al mondo hanno iniziato a girare e