Il sistema finanziario deve considerare gli eventi climatici estremi, o rischia di condannare a morte milioni di persone

Il sistema finanziario deve considerare gli eventi climatici estremi, o rischia di condannare a morte milioni di persone

E’ incredibile come i mercati finanziari, che si vantano della loro capacità di analisi dei dati e di previsione, abbiano un approccio “cieco” quando si tratta di impatti legati ai cambiamenti climatici.

Un recente rapporto pubblicato dalla Royal Society invita i sistemi finanziari globali a iniziare a considerare i rischi determinati dai fenomeni meteorologici estremi, o si rischia di condannare milioni di persone alla morte.

Le istituzioni finanziari continuano a non focalizzarsi sul problema malgrado imprese e organizzazioni continuino ad essere colpite da siccità e inondazioni.

La Royal Society sottolinea che tra il 1980 e il 2004 il costo totale di eventi meteorologici estremi è salito a 1,4 triliardi di dollari (pari a 1.236 miliardi di euro), di cui solo un quarto è stato assicurato. Entro la metà del secolo, si stima che le grandi città costiere da sole potrebbero affrontare perdite complessive annuali di mille miliardi di dollari (883 miliardi di euro), a causa delle inondazioni.

Fonte: The Guardian

Data: Febbraio 2015

Leggi l’articolo in inglese

Leggi il documento ed esplora la mappa interattiva 


Tags assigned to this article:
ambientecambiamento climaticoimpattisalute

Articoli correlati

Obama: “Riduzione delle emissioni nocive del 32 per cento entro il 2030”

Nella lotta ai cambiamenti climatici gli Stati Uniti devono dare il buon esempio, e sfidare il mondo a fare altrettanto.

Marea Nera, Bp pagherà risarcimento di 18,7 miliardi di dollari

Ci sono voluti più di cinque anni, da quel maledetto 20 aprile 2010 in cui dalla piattaforma petrolifera Deepwater Horizon iniziò un

Che cosa davvero causa il riscaldamento della Terra?

Gli scettici rispetto ai cambiamenti climatici causati dall’uomo spiegano attraverso diverse cause naturali il perché, rispetto al 1880, la terra