Il solare UK ha superato le centrali a carbone per un intero mese per la prima volta

Il solare UK ha superato le centrali a carbone per un intero mese per la prima volta

L’energia solare nel Regno Unito ha prodotto nel mese di maggio più elettricità rispetto al carbone: si tratta della prima volta che un periodo lungo un mese intero arriva a questo traguardo, almeno secondo una ricerca degli analisti di Carbon Brief. Lungo il corso del mese, via via che le giornate si allungavano, l’uso del carbone scendeva ed i pannelli solari hanno generato il 50% in più di energia elettrica rispetto a quella prodotta con il combustibile fossile. Il solare ha generato grossomodo 1.336 gigawattora (GWh) di elettricità a maggio, rispetto ai 893GWh del carbone.

Il carbone era una volta il cardine del sistema energetico inglese, ma il rapido aumento di pannelli solari e di questioni legate al cambiamento climatico ha visto il suo utilizzo precipitare, arrivando nelle ultime settimane a stabilire una serie di pietre miliari.

Il solare ha superato il carbone nel corso di un giorno intero e per la prima volta il 9 aprile, mentre l’energia elettrica prodotta dal carbone è scesa a zero più volte ai primi di maggio, ed è stata la prima volta che accadeva dalla fine del 19° secolo.

Le centrali a carbone sono in funzione meno spesso a causa dell’età e delle restrizioni sull’inquinamento che producono; negli ultimi mesi, una serie di queste ha chiuso, tra cui Ferrybridge e Eggborough nello Yorkshire, l’impianto di Fiddlers Ferry nel Cheshire e il Longannet in Scozia.

Il governo si è impegnato ad eliminare gradualmente tutta l’energia elettrica prodotta attraverso il carbone entro il 2025, ma martedì 2 giugno un think tank conservatore ha chiesto di arrivare a questo traguardo almeno due anni prima rispetto ai tempi previsti.

L’ex ministro Tory per l’energia, Greg Barker, ha detto: “Il governo dovrebbe dare agli investitori [che costruiscono progetti di energia più verdi] ancora maggiore certezza e con questo, mettere saldamente la tecnologia plc in prima linea nell’azione globale verso tecnologie energetiche pulite ed intelligenti”.

Il costo dell’energie rinnovabile, in particolare i pannelli solari, è precipitato negli ultimi anni. Tuttavia, il governo ha tagliato i sussidi all’energia solare e bloccato i parchi eolici onshore, sostenendo invece il fracking e nuove centrali nucleari.

Il record di energia rinnovabile si è realizzato anche in altri Paesi: ai primi di maggio, il Portogallo ha segnato per quattro giorni di fila la produzione di energia completamente verde. Nel 2015, il 42% dell’energia elettrica di tutta la Danimarca è stata prodotta da turbine eoliche.

Fonte: The Guardian

Data: Giugno 2016

Leggi l’articolo in inglese


Tags assigned to this article:
EuropaGran Bretagnapolitiche energetichesolare

Articoli correlati

Inquinamento, ecco i governi che si fingono eco-friendly

Governi e lobby si fingono eco-friendly ma in realtà finanziano l’industria collegata al più inquinante tra i combustibili fossili: il

Keep it in the ground

Guada il video “Keep it in the ground” con il quale si spiega perché è necessario mantenere i combustibili fossili

IEA: petrolio a basso costo è l’occasione giusta per prendere decisioni intelligenti

Riportiamo l’intervento di Maria van der Hoeven, Direttore esecutivo dell’Agenzia Internazionale dell’Energia (IEA), all’ Oxford Energy Colloquium “Opportunity to act: Making smart