In Italia, le trivelle ritornano a minacciare le aree marine protette

In Italia, le trivelle ritornano a minacciare le aree marine protette

Un emendamento che potrebbe rappresentare una reale minaccia per le aree marine di rilevanza ambientale è stato introdotto in occasione della discussione alla Camera sull’esame della proposta di legge in tema di aree protette. La legge in questione è quella del 6 dicembre 1991, n. 394 e ulteriori disposizioni in materia di aree protette. La minaccia, invece. è rappresentata dalle trivelle che rischiano di rimanere nelle acque territoriali senza limiti di tempo.

Secondo quanto afferma il comitato No Triv l’articolo della legge nasce per vietare le trivellazioni nelle aree protette, ma di fatto ha l’effetto opposto a causa dell’aggiunta di alcune parole quali “fatte salve le attività in corso e quelle strettamente conseguenti” che, senza indicare un limite di tempo, consentono alle compagnie petrolifere di proseguire nelle loro attività estrattive entro le 12 miglia a tempo indeterminato.

L’emendamento approvato non è di per sé sbagliato: lo scopo è quello di vietare le attività di ricerca e di estrazione degli idrocarburi nei parchi, non già di consentirle. Le attività ‘strettamente conseguenti’ di cui si parla nell’emendamento non possono essere le attività di prospezione e di ricerca per la semplice ragione che, come chiunque intende, trattasi di attività ‘conseguenti’ all’estrazione, mentre la prospezione e la ricerca sono attività che precedono l’estrazione stessa. Il problema è un altro: occorreva precisare che le attività in corso non potessero essere prorogate: è questo che, semmai, rende irragionevole la norma e cioè non conforme al nobile obiettivo di tutelare parchi e aree” ha spiegato Enzo di Salvatore, Professore associato di Diritto costituzionale presso Università degli Studi di Teramo, e co-fondatore del Movimento No Triv.

La questione delle 12 miglia

Legge aree protette a parte, rimane sempre la questione critica delle 12 miglia e il labile confine di cosa prevede la legge e le varie interpretazioni. Il 3 aprile scorso è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto ministeriale n. 78 del 3 aprile 2017, relativo al rilascio e l’esercizio dei titoli minerari per la prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi liquidi e gassosi in terraferma, nel mare territoriale e nella piattaforma continentale. A seguito della pubblicazione è stata presentata una mozione parlamentare per limitare le trivellazioni nelle acque territoriali, vale a dire entro le 12 miglia. L’iniziativa nasce da una proposta del Coordinamento Nazionale No Triv, in collaborazione con Associazione A Sud e Green Italia e punta a impedire che il Decreto del Ministro permetta la costruzione di nuove piattaforme e pozzi situati entro le 12 miglia marine dalle coste italiane. Il decreto, infatti, prevede per chi ha già la concessione di poter modificare i progetti presentati e ricevere così l’autorizzazione a nuove attività, sempre nell’ambito della stessa concessione già rilasciata. Il rischio è che le società petrolifere possano tranquillamente aumentare le attività estrattive entro le 12 miglia. Secondo le associazioni il testo, oltre a eludere il sostanziale divieto di trivellazioni in prossimità della costa, presenta due altri pesanti profili di criticità: la possibilità di promuovere attività estrattive nell’area del Golfo di Venezia e il sostanziale svilimento delle prerogative costituzionali delle Regioni nell’iter di rilascio delle Concessioni.

Fonte: Lifegate

Data: Giugno 2017

Leggi l’articolo


Tags assegnati all'articolo:
impattiinquinamentopetrolio

Articoli Correlati

Aria pulita in città grazie a pareti che respirano come alberi

È possibile trovare soluzioni per ridurre la CO2 presente nell’aria? La risposta arriva dalla canadese Carbon Engineering che ha messo

Centinaia di centrali a carbone stanno per essere costruite in giro per il mondo: sufficienti a cuocere il pianeta

Dal 2000, paesi come la Cina, l’India, l’Indonesia e il Vietnam hanno costruito centrali elettriche a carbone ad un ritmo

I veri drivers del futuro a basse emissioni: Cina e India

Anche il solitamente prudente The Guardian si è entusiasmato per il segnale di serietà ‘mondiale’ sul cambiamento climatico evidenziato dal