La Danimarca punta all’indipendenza energetica entro 30 anni

La Danimarca punta all’indipendenza energetica entro 30 anni

In Danimarca entro il 2030 l’energia elettrica prodotta sarà al 100 per cento rinnovabile mentre entro il 2050 il Paese sarà completamente indipendente dal punto di vista energetico. Obiettivi che il Parlamento danese ha votato trasversalmente, superando qualsiasi divisione politica e il cui raggiungimento è stato programmato passo dopo passo.

Raggiungere l’indipendenza energetica in 30 anni

Tre decenni per raggiungere l’indipendenza energetica completa. Lo scorso 29 giugno, tutti i partiti che siedono in Parlamento hanno sottoscritto l’impegno a eliminare completamente il carbone dalla produzione di elettricità e tutti i combustibili fossili dal mix energetico. Per raggiungere gli obiettivi, i parlamentari hanno fissato due tappe fondamentali: entro il 2030, la Danimarca diventerà un Paese con il 100 per cento di elettricità pulita, ed entro il 2050, tutta l’energia dovrà provenire da fonti rinnovabili. Fra circa 30 anni in Danimarca l’elettricità, il caldo e il freddo saranno generati da rinnovabili mentre i trasporti saranno alimentati solo da combustibili di origine rinnovabile.

Un mix di tecnologie pulite per realizzare l’obiettivo

Attuare un programma per diventare completamente autonomi dai combustibili fossili per la produzione di energia elettrica ha richiesto al Parlamento danese un ingente sforzo di programmazione. Le misure pianificate coinvolgono diverse tecnologie rinnovabili, dall’eolico offshore e terrestre al fotovoltaico, dal biogas a misure per incrementare l’efficienza energetica nell’industria e nell’edilizia ed altre che possano trasformare in chiave green mobilità e trasporti. Nel dettaglio le misure adottate:

– 3 parchi eolici offshore per un totale di 2.400 megawatt di potenza

– aste di energia rinnovabile per 564 milioni di euro, in cui far competere diverse tecnologie pulite per spuntare il chilowattora più conveniente

– lo stanziamento di 537 milioni di euro per incrementare la produzione di biogas

– l’implementazione di misure di risparmio ed efficienza nel settore dell’industria per 40 milioni di euro e in quello delle costruzioni per altri 27 milioni

– 67 milioni di euro di investimento nel periodo 2020-2024 per sviluppare la mobilità elettrica e un sistema di trasporti sostenibili

– misure per alleggerire il carico fiscale relativo all’elettricità e al riscaldamento investendo 268 milioni di euro.

Fonte: Lifegate

Data: Ottobre 2018

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
Europapolitiche energetiche

Articoli correlati

L’Oman pensa al dopo petrolio

L’Oman pensa il dopo-petrolio in stile cinese. Quindici mega-progetti dovranno trasformare il sultanato in una nuova Hong Kong o Singapore:

Le banche centrali potrebbero minacciare la crescita delle rinnovabili

Per la rivoluzione delle rinnovabili le banche centrali stanno emergendo come una minaccia più grande di Donald Trump. Mentre il

Crescita e investimenti senza precedenti per le rinnovabili

Bloomberg New Energy Finance lo aveva annunciato all’inizio del 2016: in barba al crollo del prezzo del petrolio, lo scorso