La devastazione provocata dal carbone

La devastazione provocata dal carbone

Gli studiosi non potranno mai capire appieno il costo economico del carbone, ma questo non rende meno riconoscibili i danni che provoca. In “Tutta la luce che non vediamo” di Anthony Doerr, viene descritto il miracolo del carbone:

Pensate al piccolo pezzo incandescente nella stufa della vostra casa. Lo vedete, bambini? Quel pezzo di carbone era una volta una pianta verde, una felce o un canneto che ha vissuto un milione di anni fa, o forse due milioni, o forse cento milioni. Potete immaginare cento milioni di anni? Ogni estate, per tutta la vita di quella pianta, le sue foglie hanno catturato più luce che potevano e trasformato l’energia del sole in sé. In corteccia, rami, steli. Perché le piante mangiano leggero, più o meno allo stesso modo con cui noi mangiamo cibo. Ma poi la pianta morì e cadde, probabilmente in acqua, e decadde in torba, e la torba si è piegata dentro la terra per anni e anni – un’eternità in cui qualcosa di simile a un mese o ad un decennio o addirittura a tutta la vita era solo un soffio d’aria, uno schiocco delle dita. E alla fine la torba si è seccata ed è diventata come la pietra, e qualcuno ha scavato, e l’uomo del carbone lo ha portato a casa tua, e magari tu stesso lo metti nella stufa, ed ora quella luce solare – luce di 100 milioni di anni fa – sta riscaldando la tua casa questa sera.

La luce del sole di cento milioni di anni fa ha riscaldato le nostre case ed alimentato le nostre fabbriche per decenni. Oggi, questa energia viene fornita meno spesso dal cordiale uomo del carbone e più dalla rete elettrica onnipresente ma circa il 39 per cento dell’elettricità degli Stati Uniti è generata dalla combustione di carbone. Tutto ciò comporta un costo di combustione, tuttavia, così il carbonio prima intrappolato sottoterra nelle piante morte da tempo diventa gas serra liberato nell’atmosfera.

Tuttavia i danni al clima non sono l’unico costo provocato dal carbone. Nel 2011, un gruppo di ricercatori provenienti da tutti gli Usa ha cercato di calcolare numericamente il costo complessivo. Hanno esaminato l’intero costo del “ciclo di vita” del carbone negli Stati Uniti, vale a dire i costi di tutto ciò che l’estrazione del carbone, il suo trasporto, la combustione per la produzione di energia elettrica, lo smaltimento etc. comportano per il mondo. Il gruppo di ricerca ha incluso economisti provenienti da Accenture, medici e ricercatori nel campo della salute pubblica dell’Università di Harvard, ecologisti provenienti da diverse università della Virginia occidentale.

Hanno preso in considerazione ogni cosa: i danni al clima, alla salute delle persone e gli effetti sulle piante e gli animali che vivono intorno alle miniere. Alla fine, hanno stimato che la somma totale delle esternalità create dal carbone ammontano ad una cifra tra i 9,42 centesimi ed i 26,89 centesimi per kilowatt-ora. La loro ipotesi migliore è intorno ai 17.84 centesimi. La dipendenza degli Stati Uniti dal carbone costa alla società americana una cifra “da un terzo ad oltre la metà di mille miliardi di dollari l’anno”.

 

Fonte: The Atlantic

Data: Settembre 2015

Leggi l’articolo in inglese


Tags assigned to this article:
carbonecostiesternalitàimpatti

Articoli correlati

Fotovoltaico fonte più economica di energia in UE a partire dal 2030

Ormai è certo, con 100 GW di capacità fotovoltaica cumulata l’Europa è sempre più fotovoltaica, nonostante il calo di nuove

Il più grande porto al mondo per esportazioni di carbone abbandona il… carbone

Si apre un’altra falla nel business del carbone. Newcastle, il più grande porto di esportazione di carbone del mondo, situato

Lasciare i combustibili fossili sotto terra per prevenire il cambiamento climatico

La nuova ricerca dell’University College London (UCL), è la prima a identificare quali riserve non devono essere bruciate se vogliamo mantenere