La follia dei combustibili fossili

La follia dei combustibili fossili

Se il mondo vuole evitare la catastrofe climatica, dovrà rinunciare a bruciare quasi il 90 per cento delle riserve accertate di carbone, più di un terzo di quelle di petrolio e la metà delle riserve di gas naturale. Ma invece di attuare politiche volte a realizzare tale obiettivo, i governi continuano non solo a sovvenzionare l’industria dei combustibili fossili, ma anche ad utilizzare le scarse risorse pubbliche per trovare nuove riserve. Questo deve cambiare, e velocemente.

Nel tentativo di contribuire a stimolare questo cambiamento, la Heinrich Böll Foundation e la Friends of the Earth International hanno messo insieme alcuni dati chiave sull’industria del carbone nell’appena pubblicato Coal Atlas. Le cifre sono impressionanti.

Secondo il Fondo monetario internazionale, i sussidi per il carbone (ivi compreso il danno ambientale) hanno raggiunto quest’anno il 3,9 per cento del Pil mondiale. Al G-20, i governi hanno stimato di spendere 88 miliardi di dollari all’anno per sostenere l’esplorazione di nuovi giacimenti di combustibili fossili.

E un recente rapporto del Natural Resources Defense Council, Oil Change International e World Wide Fund for Nature ha rivelato come tra 2007 e 2014, i governi abbiano incanalato oltre 73 miliardi di dollari – oltre 9 miliardi all’anno – di denaro pubblico verso progetti per il carbone. Ad aprire la strada sono stati il Giappone (20 miliardi), la Cina (circa 15 miliardi), la Corea del Sud (7 miliardi) e la Germania (6,8 miliardi).

Questi investimenti di denaro pubblico accrescono i già notevoli finanziamenti commerciali che il settore del carbone riceve. Nel 2013, 92 istituti bancari hanno fornito almeno 66 miliardi di euro (71 miliardi di dollari americani): quattro volte di più di quanto sborsato nel 2005. Tutto questo è andato a sostenere un’industria che produce una quota massiccia delle emissioni globali e che sembra molto decisa a continuare a farlo.

Dal 1988,l’attività dei primi 35 produttori di carbone, privati o di proprietà statale, ha contribuito ad un terzo del totale delle emissioni di Co2. Il danno che le loro attività stanno causando non è un segreto.

Eppure le aziende carbonifere e degli altri combustibili fossili si sono rifiutate di adeguare i loro modelli di business. Invece, hanno lavorato attivamente per bloccare gli sforzi per attenuare i cambiamenti climatici a livello nazionale ed internazionale, finanziando il cambiamento climatico con denari e attività di lobbying per ostacolare il raggiungimento degli obiettivi connessi alle energie rinnovabili e a strumenti interessanti come le tariffe feed-in.

Nel frattempo, l’industria del carbone ritiene di svolgere un ruolo indispensabile nella lotta contro la “povertà energetica”, vale a dire, la mancanza di accesso a più moderne forme non inquinanti di energia, soprattutto elettrica.

 

Fonte: Eco business

Data: Dicembre 2015

Leggi l’articolo in inglese



Articoli correlati

I combustibili fossili e la fuga dalle campagne

Ai primi di settembre i mezzi di comunicazione esprimevano euforia per la scoperta italiana del più grande giacimento di gas

L’isola danese di Samsø che ha realizzato la sua “rivoluzione verde”

L’isola danese di Samsø ha trasformato la propria economia dipendente dai combustibili fossili in una realtà fondata sulle energie rinnovabili.

Un taglio allo shale oil

di Jacopo Brilli Saranno gli Usa e non i paesi Opec a ridurre la produzione di petrolio? L’industria dello shale