La Francia crede nelle rinnovabili marine

La Francia crede nelle rinnovabili marine

Nel futuro 2023 della Francia c’è il mare. Un mare dove far crescere l’energia pulita nazionale. Il governo ha rivelato i nuovi target 2023 per le rinnovabili marine dimostrando ancora una volta di voler entrare a gamba tesa nella corsa allo sviluppo di tecnologie di produzione elettrica offshore a emissioni zero. E senza aspettare la pubblicazione della Programmazione pluriennale per l’energia (DPI) messa in consultazione, con un decreto pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 26 aprile, Parigi ha definito gli obiettivi di sviluppo delle energie rinnovabili per i diversi settori (eolico, solare, biogas, ecc) da raggiungere entro il 2023.

L’annuncio è arrivato direttamente dal ministro all’Ambiente, Ségolène Royal, che ha spiegato come il provvedimento preveda un aumento consistente della capacità installata di energia elettrica da fonti rinnovabili rispetto al 2015 (idroelettrico escluso). Raggiungere la meta per la Francia significherà portare tale quota a 71-78 GW contro i 43 GW di oggi. Il Paese avrebbe la strada spianata per raggiungere il 32% del consumo finale lordo di energia nel 2030 coperto dalle fonti alternative.

Cuore del piano, le rinnovabili marine. Nonostante la gioventù di questo tipo di tecnologie, il provvedimento punta in alto: in sette anni prevede di riuscire a istallare 100 MW elettrici da ottenere con impianti di sfruttamento dell’energia di onde e maree, e di eolico galleggiante. Il documento del governo francese comprende anche gli obiettivi riveduti per l’eolico offshore “tradizionale” (differisce da quello galleggiante essenzialmente per la tipologia di fondamenta), fissando l’obiettivo di potenza installata a 3000 MW entro il 2023.

Fonte: Rinnovabili.it

Data: Maggio 2016

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
acquaFranciapolitiche energeticherinnovabili

Articoli correlati

La mossa a sorpresa del governo canadese che si piega all’industria del petrolio

Una mossa a sorpresa, ma non una bella sorpresa quella del Canada. Il governo canadese ha acquistato dalla società americana

In Italia +2,5% Co2 nel 2015: serve una nuova strategia energetica

A livello globale le emissioni di gas serra nel 2014 e nel 2015 sono state sostanzialmente stabili, nonostante l’aumento del

Le emissioni inquinanti stanno mettendo in pericolo le specie animali

Il riscaldamento globale sta causando ingenti danni alle foreste boreali della Siberia e del Canada, effetti disastrosi per le barriere