La fuoriuscita di petrolio che distrugge un’isola indonesiana

La fuoriuscita di petrolio che distrugge un’isola indonesiana

Una fuoriuscita di petrolio nel Borneo, iniziata a fine marzo, si è ora diffusa tanto da occupare un’area più grande della città di Parigi e si sta dirigendo verso l’oceano aperto.

Lo sversamento, segnalato per la prima volta il 31 marzo, proviene da un oleodotto gestito dalla società petrolifera statale Pertamina nella città di Balikpapan, nella provincia di East Kalimantan. Un rapporto pubblicato il 4 aprile dal Ministero dell’Ambiente e delle Foreste afferma che la chiazza di petrolio si sta diffondendo dalla baia di Balikpapan allo stretto di Makassar, coprendo circa 130 chilometri quadrati (50 miglia quadrate).

Pertamina, che per giorni aveva negato ogni responsabilità per il disastro, alla fine ha ammesso il 4 aprile che una delle sue tubature utilizzate per il trasporto di greggio era la fonte della chiazza di petrolio.

Un’immagine satellitare datata 1 aprile che mostra l’estensione dell’area coperta dal greggio fuoriuscito da una perdita di un tubo sottomarino nella baia di Balikpapan

“La nostra indagine preliminare aveva indicato che il petrolio era combustibile per le navi, ma è stato solo alla sera del 3 aprile che abbiamo avuto la conferma che proveniva da noi”, ha detto il direttore generale di Pertamina Togar M.P. ai giornalisti. “Da quando l’incidente è stato scoperto, abbiamo chiuso le operazioni di trasporto delle tubature”.

Fonte: Ecowatch

Data: Aprile 2018

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
costiinquinamentopetrolio

Articoli correlati

Il boom delle energie rinnovabili

Alcuni leader mondiali, in particolare nei Paesi in via di sviluppo come l’India, hanno da tempo detto che è difficile

Un traino alle rinnovabili

La caduta dei prezzi del petrolio e del gas proietta ombre minacciose anche sulle energie rinnovabili, ma un po’ meno

Il carbone a fine corsa sfida la nostra capacità di ripensare il futuro

Il sorpasso delle rinnovabili sul carbone è una realtà. Nei prossimi 5 anni la crescita della domanda mondiale di carbone