La Germania blinda le sue utility

La Germania blinda le sue utility

Con uno scambio azionario e di asset tra E.On e Rwe, le prime due società tedesche del settore, il cancelliere riconfermato Angela Merkel mette al sicuro le sue imprese di produzione e distribuzione elettrica, dando vita a una operazione non irrilevante anche dal punto di vista finanziario, visto che muove una cifra attorno ai 22 miliardi di euro. A conferma che di fronte all’interesse nazionale, in Germania non si fanno tanti problemi a mettere d’accordo imprese private (E.on) e pubbliche (Rwe è controllata da enti locali). Un po’ come se in Italia ci fosse uno scambio azionario e di impianti produttivi tra Enel e A2a.

Nel dettaglio, E.On rileverà da Rwe il 76,8% di Innogy lanciando un’opa sul resto delle azioni a 40 euro (5 miliardi di spesa circa), dando in cambio il 16,67% del proprio capitale. La valutazione di Innogy, debito compreso, supera i 40 miliardi. E.On trasferirà quindi a Rwe buona parte del proprio business delle rinnovabili e le quote di minoranza (che fanno capo alla controllata Preussenelektra) detenute negli operatori nucleari Emsland e Gundremmingen, già controllati da Rwe oltre alla “costola” di Innogy che si occupa di rinnovabili e altri asset minori. A saldo di tutto il riassetto, Rwe verserà a E.On 1,5 miliardi.

L’esito dell’operazione sarà che Innogy diventerà un leader europeo delle rinnovabili con Rwe votato alla produzione di energia elettrica mentre E.On sarà più focalizzato sulla distribuzione e vendita di elettricità. Gli asset green tedeschi usciranno dunque dalle mire dei competitor, anche italiani e francesi (in passato si era parlato dell’interesse, in verità sempre smentito ufficialmente da parte di Enel e dei francesi di Edf), che negli anni recenti hanno acquisito quote di mercato e guardavano con interesse alla partita.

Fonte: La Repubblica

Data: Aprile 2018

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
elettricitàrinnovabili

Articoli correlati

BNEF: Investimenti nelle rinnovabili crescono del 16 per cento

Per la prima volta in tre anni, nel 2014 sono cresciuti gli investimenti in energia pulita, superando il crollo dei prezzi del

​L’inquinamento costa all’Italia 43 miliardi l’anno, 2,5 punti di Pil

Ogni anno l’inquinamento in Italia  costa in media 43 miliardi di euro,  circa 2,5 punti di Pil, con un bilancio

Meno finanziamenti al carbone per la banca d’affari Citigroup

Citigroup Inc., la terza più grande banca degli Stati Uniti, ha detto che ridurrà il finanziamento ai progetti di estrazione