La Germania prevede di pagare i consumatori per utilizzare l’energia rinnovabile in eccedenza

La Germania prevede di pagare i consumatori per utilizzare l’energia rinnovabile in eccedenza

I produttori di elettricità tedeschi sono pronti a pagare i consumatori per utilizzare l’elettricità.

Secondo i dati da Bloomberg, la generazione di eolico è prevista salire a livelli record domenica, producendo più output di quanto necessario e guidando i prezzi dell’energia elettrica sotto zero. Sarebbe la prima volta quest’anno che il prezzo medio arriva ad essere negativo per un intero giorno e non solo per alcune ore specifiche.

Quando vi sono grandi quantità di energia eolica disponibile, gli operatori della rete tedesca possono solo lottare per mantenere l’equilibrio tra quanta energia viene prodotta e quanta ne utilizza la gente. I prezzi negativi significano che i produttori devono o chiudere le centrali elettriche per ridurre l’offerta oppure pagare i consumatori perché prelevino ulteriore energia elettrica.

Per la produzione eolica è previsto un picco di 39.190 megawatt alle 7 di domenica, equivalente alla produzione di circa 40 reattori nucleari e abbastanza per soddisfare più della metà della domanda totale in Germania. Le turbine a vento onshore hanno rappresentato quasi un terzo della potenza installata in Germania a fine giugno e la nazione è pronta ad aumentare con nuove installazioni di un altro 9% quest’anno, secondo la federazione dell’industria BWE.

Fonte: Independent

Data: Novembre 2017

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
elettricitàeolicoGermaniarinnovabili

Articoli correlati

I prezzi bassi del petrolio non fermeranno la luminosa ascesa del fotovoltaico

La Cina continuerà a costruire centrali a carbone, ma a un ritmo più lento rispetto al passato, mentre continueranno a

Il fracking arriva in Slovenia, a due passi da casa nostra

Il fracking sta per arrivare alle porte dell’Italia. La Slovenia infatti, nonostante le proteste ambientaliste, sembra decisa a sostenere la fratturazione idraulica alla ricerca del

Comitato ProTriv: 10 motivi per votare no al referendum sulle trivelle

“Bufale e bugie” che potrebbero creare “rischi economici, occupazionali e ambientali per il Paese”, è quanto sostiene il comitato Pro-triv. Rischi