La gigantesca centrale a carbone che si converte all’energia verde

La gigantesca centrale a carbone che si converte all’energia verde

Sul treno per visitare uno degli ultimi posti in Gran Bretagna che brucia carbone per produrre elettricità, passo tre fattorie solari immerse nel sole. Passo anche a una fabbrica di carbone chiamata Eggborough che ha praticamente cessato ogni operazione. Nessun vapore sale dalle sue gigantesche torri di raffreddamento. Chiuderà a settembre.

Ma la centrale a carbone che sto visitando è diversa. Si chiama Drax, si trova dopo un piccolo villaggio, ed è la più grande centrale elettrica dell’Europa occidentale. Entro il 2023, i proprietari hanno in programma di smettere di bruciare interamente carbone. Sperano che invece la loro centrale consumi solo gas naturale e biomassa, palline di legno frantumato in polvere.

L’Unione Europea ha posto alcuni obiettivi chiave per ridurre l’inquinamento nei prossimi decenni e le centrali elettriche a carbone sono state destinate alla chiusura in molti Paesi che cercano di rispettare questi obiettivi. Nel Regno Unito, i piani governativi indicano che la produzione di energia elettrica a carbone si concluderà entro il 2025.

Una storia simile si sta realizzando anche altrove nel mondo. Molte nazioni, compresi gli Stati Uniti, si stanno allontanando dal carbone mentre le energie alternative diventano più economiche e le normative ambientali raffreddano il mercato di questo combustibile fossile.

Ma questo lascia una grande domanda: cosa facciamo di tutte le vecchie centrali elettriche?

Per il secolo scorso, queste strutture sono state i grandi attori del mercato energetico mondiale. Le centrali hanno connessioni costose con le reti nazionali, il che significa che semplicemente abbatterle potrebbe non essere così intelligente. Molti, inclusa la direzione di Drax, insistono sul fatto che esiste un altro modo.

La scala di Drax è immediatamente evidente. Su entrambi i lati degli enormi edifici che ospitano le caldaie e le turbine si alzano sei torri di raffreddamento beige. Il vapore bianco si sposta verso il cielo. Nel mezzo del complesso si trova un camino alto 259 metri e sul retro della struttura c’è un enorme mucchio di carbone che i membri dello staff mi dicono essere molto più piccolo ora di quello che era una volta.

Il carbone viene lasciato qui fino a quando non viene portato nella centrale elettrica grazie a dei nastri trasportatori, macinato e bruciato a temperature altissime. La fornace riscalda l’acqua, trasformandola in vapore che scorre attraverso un complesso sistema di tubi e rotazioni di turbine a una velocità costante di 3.000 giri al minuto. È un modo semplice per produrre elettricità. È anche un modo molto sporco.

Un cambio marcia per l’energia

Questa è la grande parte dei motivi per cui i giorni del carbone qui sono davvero contati. Ad aprile, la Gran Bretagna è andata avanti per più di tre giorni interi senza utilizzare energia prodotta con il carbone: un declino per questo combustibile che si è realizzato molto più rapidamente di quanto in molti si aspettassero. Questa tendenza ha fatto sì che dall’inizio del 2018, il Paese abbia gestito circa 1.000 ore senza energia prodotta dal carbone, finendo in cima alla classifica già lo scorso anno.

Fonte: BBC

Data: Settembre 2018

Leggi l’articolo



Articoli correlati

Il costo del cambiamento climatico spiegato in 4 infografiche

Le temperature globali crescono, così anche i costi di adattamento a un mondo più caldo. Eventi atmosferici gravi sono sempre

Non tutta l’industria è contro l’ambiente, solo quella senza futuro

L’intervento di Monica Frassoni, Co-Presidente del Partito Verde Europeo e Coordinatrice di Green Italia sulla vicenda dell’Ilva in risposta alle

Eolico e solare: un’opportunità per le piccole isole delle Filippine

200 milioni di dollari risparmiati e garanzia di accesso all’elettricità a 800mila famiglie. Sono i vantaggi che le Filippine potrebbero