La Gran Bretagna non è leader nella sicurezza nucleare

La Gran Bretagna non è leader nella sicurezza nucleare

È stato riportato come, in occasione del vertice mondiale sulla sicurezza nucleare a Washington, David Cameron abbia affermato che, insieme agli Stati Uniti, “la Gran Bretagna sia un esempio in materia di sicurezza nucleare per quanto riguarda gli impianti, i trasporti ed i materiali” (i leader mondiali si sono incontrati per pianificare uno scenario sul nucleare, il 2 aprile scorso).

Purtroppo, la verità è diversa; David Cameron ed i suoi ministri si illudono se credono a questo.

Nel mese di gennaio l’autorevole Nuclear Threat Initiative (NTI) – la cui missione è di rafforzare la sicurezza globale, riducendo il rischio nell’uso e prevenendo la diffusione di armi nucleari, biologiche e chimiche – ha pubblicato la sua valutazione annuale sulla sicurezza nucleare in tutto il mondo. Tra i paesi che possiedono materiale nucleare utilizzabile per gli armamenti, il Regno Unito si è posizionato nel fondo della classifica, al di sotto della Corea del Nord – 17° classificato – superato da Argentina e Australia (gli Stati Uniti e la Russia si sono piazzate al 19° posto).

Mohamed ElBaradei, premio Nobel per la pace ed ex segretario generale dell’International Atomic Energy Agency, ha detto che il NTI “è un modello di partenariato pubblico-privato su questioni di sicurezza e di sopravvivenza… NTI è stato un apripista”. La sua valutazione dovrebbe pertanto essere rispettata.

THEFT RANKING-COUNTRIES WITH WEAPONS-USABLE NUCLEAR MATERIALS

Source: NTI, Nuclear Threat Initiative. Overall and category scores and ranks for 2016 are shown. All countries are scored 0-100, where 100 = most favorable nuclear materials security conditions

 

Fonte: The Guardian

Data: Aprile 2016

Leggi l’articolo in inglese

Leggi il report NTI in inglese


Tags assigned to this article:
nuclearesicurezza

Articoli correlati

Mobilità sostenibile: firmato decreto da 35 milioni di euro

Gian Luca Galletti, ministro dell’Ambiente, ha firmato il decreto per l’assegnazione dei 35 milioni di euro previsti dal Collegato Ambientale

Gli eventi estremi del 2013 spiegati in un’ottica climatica

Il supplemento speciale del Bollettino della Società Americana di Meteorologia presenta una valutazione di come i cambiamenti climatici possano aver

In Cina, nessuna nuova miniera di carbone nei prossimi 3 anni

Il più grande produttore e consumatore di carbone del mondo, la Cina, ha annunciato che nei prossimi 3 anni non