La Siria è davvero una “guerra climatica”?

La Siria è davvero una “guerra climatica”?

La guerra civile siriana ha imperversato per più di sei anni. C’è una storia che la collega ai cambiamenti climatici: un’intensa siccità, resa più probabile dal riscaldamento globale, ha causato “migrazioni di massa” all’interno del paese dalle aree rurali a quelle urbane, che a loro volta hanno contribuito alla rivolta del 2011 che poi si è intensificata ed è sfociata in un conflitto civile.

Questa narrazione presuppone che esista una relazione tra siccità, migrazione e conflitto. Tuttavia, la connessione non è così chiara. La nostra preoccupazione è che mettere troppa enfasi sul clima trascuri il ruolo dei fattori politici e socio-economici nel determinare la vulnerabilità di una comunità allo stress ambientale. Di fronte alla siccità, il conflitto non è inevitabile.

Questa è una conclusione del nostro lavoro sulla siccità e la gestione delle risorse in Siria. Nella nostra ricerca, abbiamo suddiviso la rivendicazione popolare “guerra climatica” in due parti: il legame tra siccità e migrazione e il legame tra migrazione e conflitto, per vedere se e come questi fattori combaciavano.

Abbiamo iniziato con l’idea stessa di migrazione indotta dall’ambiente. Il problema è che è molto difficile determinare i motivi reali per cui le persone lasciano casa e cercano opportunità altrove: un ambiente in cambiamento è probabilmente solo uno tra i diversi fattori e non necessariamente il più significativo. Ad esempio, avere il capitale da spostare è un fattore importante per la migrazione, quindi solo coloro che possono permettersi di muoversi in risposta alla siccità sono in grado di farlo.

Nel caso della Siria, non vi è stato alcun collegamento scientificamente provato tra precipitazioni ridotte o colture fallite e migrazione rurale-urbana. Le prove che sono state utilizzate per dimostrare il legame tra migrazione e siccità provengono da rapporti sugli sfollati pubblicati dal governo siriano e dalle missioni di valutazione delle Nazioni Unite. Si dice che i due fenomeni siano collegati perché coincidono nel tempo. Scientificamente, tuttavia, questo non è abbastanza.

La siccità che ha colpito la Siria è stata descritta come una grave siccità pluriennale che è durata dal 2006 al 2010. Ma i livelli di precipitazioni nel 2006, 2007, 2009 e 2010 sono stati quasi normali, sia in Siria nel suo insieme che nel nord-est, la regione “cestino del pane”. Ciò suggerisce che solo il 2008 è stato un vero anno di siccità.

Fonte: The Conversation

Data: Gennaio 2017

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
cambiamento climaticoguerreimpatti

Articoli correlati

Il prossimo futuro è ancora nei combustibili fossili: shale gas e risorse non covenzionali

Negli ultimi anni si è assistito all’irruzione nello scenario energetico internazionale, delle questioni legate allo sfruttamento dello shale gas. Quella che da

Dietro i massacri in Iraq e Siria c’è la guerra per il controllo dell’acqua

La guerra in Siria svela un nuovo aspetto, dietro i genocidi settari ed etnici vi è infatti il conflitto per

Eni è stata attaccata in Nigeria: è tempo di ripensare il ruolo delle imprese energetiche

“Alcuni miliziani si sono presentati nel delta del Niger, regione ricca di petrolio, nel momento in cui il paese deve