La Siria è davvero una “guerra climatica”?

La Siria è davvero una “guerra climatica”?

La guerra civile siriana ha imperversato per più di sei anni. C’è una storia che la collega ai cambiamenti climatici: un’intensa siccità, resa più probabile dal riscaldamento globale, ha causato “migrazioni di massa” all’interno del paese dalle aree rurali a quelle urbane, che a loro volta hanno contribuito alla rivolta del 2011 che poi si è intensificata ed è sfociata in un conflitto civile.

Questa narrazione presuppone che esista una relazione tra siccità, migrazione e conflitto. Tuttavia, la connessione non è così chiara. La nostra preoccupazione è che mettere troppa enfasi sul clima trascuri il ruolo dei fattori politici e socio-economici nel determinare la vulnerabilità di una comunità allo stress ambientale. Di fronte alla siccità, il conflitto non è inevitabile.

Questa è una conclusione del nostro lavoro sulla siccità e la gestione delle risorse in Siria. Nella nostra ricerca, abbiamo suddiviso la rivendicazione popolare “guerra climatica” in due parti: il legame tra siccità e migrazione e il legame tra migrazione e conflitto, per vedere se e come questi fattori combaciavano.

Abbiamo iniziato con l’idea stessa di migrazione indotta dall’ambiente. Il problema è che è molto difficile determinare i motivi reali per cui le persone lasciano casa e cercano opportunità altrove: un ambiente in cambiamento è probabilmente solo uno tra i diversi fattori e non necessariamente il più significativo. Ad esempio, avere il capitale da spostare è un fattore importante per la migrazione, quindi solo coloro che possono permettersi di muoversi in risposta alla siccità sono in grado di farlo.

Nel caso della Siria, non vi è stato alcun collegamento scientificamente provato tra precipitazioni ridotte o colture fallite e migrazione rurale-urbana. Le prove che sono state utilizzate per dimostrare il legame tra migrazione e siccità provengono da rapporti sugli sfollati pubblicati dal governo siriano e dalle missioni di valutazione delle Nazioni Unite. Si dice che i due fenomeni siano collegati perché coincidono nel tempo. Scientificamente, tuttavia, questo non è abbastanza.

La siccità che ha colpito la Siria è stata descritta come una grave siccità pluriennale che è durata dal 2006 al 2010. Ma i livelli di precipitazioni nel 2006, 2007, 2009 e 2010 sono stati quasi normali, sia in Siria nel suo insieme che nel nord-est, la regione “cestino del pane”. Ciò suggerisce che solo il 2008 è stato un vero anno di siccità.

Fonte: The Conversation

Data: Gennaio 2017

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
cambiamento climaticoguerreimpatti

Articoli correlati

La polemica dei sussidi ai combustibili fossili

Le tensioni economiche per la riduzione dei sussidi ai combustibili fossili sono sempre più forti. Secondo le stime dalla IEA,

Il pentagono vede nel cambiamento climatico un rischio per la sicurezza

Il Dipartimento della Difesa statunitense ha pubblicato ha fine 2014 la roadmap di adattamento ai cambiamenti climatici (Climate Change Adaption

I colossi francesi della finanza si impegnano a non finanziare i progetti di carbone australiano

Tre tra le maggiori banche francesi hanno sottoscritto una lettera di impegno a non finanziare lo sfruttamento del carbone australiano, una