L’accordo di Parigi è un accordo fondamentale per la nostra salute

L’accordo di Parigi è un accordo fondamentale per la nostra salute

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha avvertito che si stanno registrando record di eventi meteorologici estremi a un ritmo senza precedenti e che esiste un rischio reale per il mondo di perdere la capacità di sostenere la vita umana se il clima della Terra venisse ulteriormente modificato, aggiungendo sempre più gas serra in atmosfera da intrappolare il calore.

I funzionari dell’OMS hanno lanciato il monito presentando i nuovi dati alla Conferenza ONU sul clima del 2018 tenutasi a Bonn, dove dimostrano che 9 persone su 10 respirano aria contenente alti livelli di inquinanti e che circa 7 milioni di persone muoiono ogni anno per l’esposizione alle particelle fini che si trovano nell’aria inquinata.

La cifra potrebbe essere di gran lunga superata contando le morti causate dall’aumento delle temperature globali e dalle condizioni meteorologiche estreme se le emissioni, principalmente causate dalla combustione di combustibili fossili e dalla deforestazione, dovessero continuare ad aumentare al ritmo attuale.

“Consideriamo l’Accordo di Parigi un accordo fondamentale per la sanità pubblica; potenzialmente l’accordo di salute pubblica più importante del secolo. Se non affrontiamo la sfida climatica, se non riduciamo le emissioni di gas serra, stiamo minando le condizioni ambientali della salute da cui dipendiamo: miniamo le riserve idriche, miniamo la nostra aria, miniamo la sicurezza alimentare” ha detto il dott. Diarmid Campbell-Lendrum, responsabile dell’OMS per i cambiamenti climatici e la salute.

Fonte: United Nations Climate Change (Unfccc)

Data: Maggio 2018

Leggi l’articolo


Tags assigned to this article:
ambientecambiamento climaticocostisalute

Articoli correlati

Energia pulita per la città ecologica americana del futuro

Dale Ross è il sindaco di Georgetown, 65.000 abitanti, diventato una celebrità nei circoli ambientalisti a seguito di una decisione

Uccelli e turbine: l’eolico piace anche alla Royal Society for the Protection of Birds

Raggiunge un’altezza di 100 metri e nel corso di un anno produrrà tanta energia quanta quella consumata da 500 famiglie

Un’Italia senza carbone entro il 2025 è possibile

È possibile uscire dal carbone entro il 2025, accelerando il passaggio verso una netta riduzione delle emissioni di anidride carbonica