Lasciare i combustibili fossili sotto terra per prevenire il cambiamento climatico

Lasciare i combustibili fossili sotto terra per prevenire il cambiamento climatico

La nuova ricerca dell’University College London (UCL), è la prima a identificare quali riserve non devono essere bruciate se vogliamo mantenere l’aumento della temperatura globale sotto 2°C; tra le riserve individuate c’è il 90% delle riserve di carbone degli Stati Uniti e dell’Australia e  quasi tutte le sabbie bituminose canadesi.

Il rapporto identifica migliaia di miliardi di dollari di risorse conosciute ed estraibili di carbone, petrolio e gas, incluse la maggior parte delle sabbie bituminose canadesi, tutto il petrolio e il gas artico e molto del potenziale di gas shale, che non potranno essere sfruttate se l’aumento della temperatura globale deve essere tenuto sotto il limite di sicurezza 2 °C, in base a quanto concordato a livello mondiale. Attualmente  il mondo si sta dirigendo verso una catastrofica soglia di aumento di 5 °C  e la scadenza per sigillare un accordo globale sul clima in occasione del vertice Onu a Parigi.

Fonte: The Guardian

Data: Gennaio 2015

Leggi l’articolo in inglese

Leggi l’articolo in italiano

Scarica la ricerca



Articoli correlati

Plastica e microplastiche: la minaccia dei nostri oceani

Ogni anno si stima che otto milioni di tonnellate, per un valore di 19,5 miliardi di euro, di plastica fluttuano

More than Scientists

Il video prodotto da ricercatori e studiosi del clima, per spiegare perché è necessario contrastare il cambiamento climatico. Non numeri

Disastri naturali: 20 milioni di migranti nel 2014

Quasi 20 milioni di persone sono state costrette a fuggire dalle proprie case a seguito di inondazioni, tempeste e terremoti