Le commodity in una mappa

Le commodity in una mappa

Tra il 2000 e il 2011 gli indici dei prezzi delle materie prime sono triplicati, a causa della crescita globale. Da allora, però, i prezzi hanno registrato un’inversione di marcia. Alcune materie prime hanno subito un forte calo dei prezzi: il petrolio è passato dai 115 dollari al barile del mese di giugno a 70 $ al barile nei primi giorni di dicembre. Questo tipo di inversioni sono naturalmente buone notizie per gli importatori netti di risorse, ma non gli esportatori netti. I paesi produttori, molti dei quali sono relativamente poveri, soffrono quando i prezzi scendono. Le mappe interattive visualizzano i dati della Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo, e mostrano quali sono i paesi importatori netti e e quali esportatori di materie prime in generale e di petrolio, metalli e prodotti alimentari nello specifico.

Fonte: The Economist

Data: Dicembre 2014

Consulta la mappa


Tags assigned to this article:
petrolio

Articoli correlati

Il giusto prezzo per le emissioni

Un ordine esecutivo da parte del presidente Barack Obama prevede che la Environmental Protection Agency analizzi in termini di costi

Smog, a Milano e a Roma parte il monitoraggio dei cittadini con lo smartphone

La Ue lancia il progetto Ispex: con un sensore sul telefonino chiunque può verificare i livelli di inquinamento. Le uniche

L’eolico vola nel Regno Unito

I dati ufficiali del National Grid mostrano che nel Regno Unito la generazione di energia prodotta da fonti rinnovabili ha