Le contromosse della Russia nella guerra fredda finanziaria

Le contromosse della Russia nella guerra fredda finanziaria

La caduta del prezzo del petrolio è stata rilevante anche a dicembre: il Brent è calato da 73,72 dollari al barile ($/b) a 58,46$/b, mentre il Wti è diminuito da 69,44 a 53,95 $/b. Da giugno il costo del greggio si è pressoché dimezzato. Nell’ultimo mese del 2014 il dollaro si è apprezzato nei confronti dell’euro, passando da 1,2469€/$ a 1,2141€/$. L’oro ha chiuso l’anno poco sotto i 1200$/oncia.

Durante la prima metà di dicembre, la guerra fredda finanziaria Usa-Russia ha visto il crollo della Borsa di Mosca – solo il 16 dicembre, -19% – e del rublo sul dollaro. Poi la valuta russa ha recuperato buona parte del deprezzamento. Ciò è stato possibile soltanto grazie alle riserve in valuta straniera utilizzate (si stima in 100 miliardi di $) e alla leva sui tassi (alzati dal 10,5% al 17%) o c’è dell’altro?

Mosca, tuttavia, non ha alcuna intenzione di assistere inerte al crollo del rublo e dei prezzi del petrolio.

Fonte: Limes

Data: Gennaio 2015

Leggi l’articolo

 



Articoli correlati

Un viaggio dentro la centrale nucleare di Trino Vercellese

Il cielo è grigio e minaccia pioggia, è una di quelle giornate sospese, che non sai bene come andranno a

Il nucleare Usa a caccia di risorse pubbliche per sopravvivere

Il nucleare è sempre più in crisi. Negli Stati Uniti sono attualmente in funzione 99 reattori nucleari distribuiti in 30

L’Europa deve affrontare un conto da 253 miliardi di euro per il nucleare

L’Europa sta affrontando un costo di 253mld di euro per consentire la gestione dei rifiuti nucleari e la disattivazione dei