Le contromosse della Russia nella guerra fredda finanziaria

Le contromosse della Russia nella guerra fredda finanziaria

La caduta del prezzo del petrolio è stata rilevante anche a dicembre: il Brent è calato da 73,72 dollari al barile ($/b) a 58,46$/b, mentre il Wti è diminuito da 69,44 a 53,95 $/b. Da giugno il costo del greggio si è pressoché dimezzato. Nell’ultimo mese del 2014 il dollaro si è apprezzato nei confronti dell’euro, passando da 1,2469€/$ a 1,2141€/$. L’oro ha chiuso l’anno poco sotto i 1200$/oncia.

Durante la prima metà di dicembre, la guerra fredda finanziaria Usa-Russia ha visto il crollo della Borsa di Mosca – solo il 16 dicembre, -19% – e del rublo sul dollaro. Poi la valuta russa ha recuperato buona parte del deprezzamento. Ciò è stato possibile soltanto grazie alle riserve in valuta straniera utilizzate (si stima in 100 miliardi di $) e alla leva sui tassi (alzati dal 10,5% al 17%) o c’è dell’altro?

Mosca, tuttavia, non ha alcuna intenzione di assistere inerte al crollo del rublo e dei prezzi del petrolio.

Fonte: Limes

Data: Gennaio 2015

Leggi l’articolo

 



Articoli correlati

Il giusto prezzo per le emissioni

Un ordine esecutivo da parte del presidente Barack Obama prevede che la Environmental Protection Agency analizzi in termini di costi

Rifugiati da climate change

Guerre e povertà sono i principali motori delle migrazioni a livello mondiale. Lo sappiamo bene nella vecchia Europa dove i

Le commodity in una mappa

Tra il 2000 e il 2011 gli indici dei prezzi delle materie prime sono triplicati, a causa della crescita globale.